11 febbraio 2015 - Forlì, Cronaca, Politica

Manifestazione di Casa Pound, il PMLI attacca il sindaco

Durissime critiche al primo cittadino di Forlì per aver concesso lo spazio di fronte al sacrario dei caduti per la resistenza

FORLI' - Riceviamo e pubblichiamo in forma integrale l'intervento della Cellula “Stalin” di Forlì del Partito Marxista-Leninista Italiano. Il gruppo attacca frontalmente e in modo deciso il primo cittadino di Forlì, Davide Drei, reo secondo il Pmli di Forlì di aver permesso la manifestazione di Casa Pund in piazza Saffi, proprio di fronte al sacrario dei caduti per la resistenza.

 

"Non si comprende  davvero con quale faccia tosta il sindaco Davide Drei sia intervenuto sulla manifestazione fascista che sabato hanno tenuto a Forlì i picchiatori di Casa Pound, che 20 giorni fa hanno assaltato un centro sociale a Cremona riducendone in fin di vita un militante, altro che “Associazione culturale” come qualche giornale locale li ha definiti!

 

Proprio il sindaco piddino si “lamenta” ( si fa per dire) della manifestazione di Casa Pound e del fatto che è stata vergognosamente concessa addirittura di fronte al sacrario ai partigiani presente in Piazza Saffi, che ieri è stato nuovamente violato dai fascisti, ma difendendone di fatto nel contempo il diritto a manifestare che starebbe scritto addirittura nella Costituzione, nata dopo la Resistenza antifascista e bagnata del sangue di migliaia di partigiani morti per liberare l’Italia dal mostro nazifascista.

 

Proprio il sindaco piddino, che alla vigilia delle elezioni del 25 maggio dello scorso anno  ha firmato un “Appello a tutti i candidati alle elezioni amministrative” lanciato dal comitato Provinciale dell’Anpi di Forlì-Cesena col quale si impegnava, tra l’altro, ad escludere qualunque tipo di presenza o manifestazione sul territorio forlivese dell’organizzazione Casapound, o altri soggetti che si ispirano al fascismo, anche specificando i casi suddetti nel regolamento comunale sulla concessione di spazi pubblici;  a effettuare la modifica del regolamento comunale in materia di occupazione di suolo pubblico al fine di includere, al momento della richiesta di autorizzazione, una dichiarazione esplicita di riconoscimento dei valori antifascisti espressi nella Costituzione Italiana; ad istituire meccanismi di intervento che consentano di negare il rilascio dell’autorizzazione di occupazione del suolo pubblico ad associazioni che, pur avendo sottoscritto la suddetta dichiarazione, presentino richiami all’ideologia fascista, alla sua simbologia, alla discriminazione razziale, etnica, religiosa o sessuale, verificati a livello statutario, ove lo Statuto è presente, o dell’attività pregressa o per accertata violazione delle leggi Scelba e Mancino; ad una più severa applicazione della legge n. 645 del 1952 (legge Scelba) e della legge n. 205 del 1993 (legge Mancino). Il Comune deve promuovere direttamente azioni legali in caso di violazione delle suddette leggi sul territorio comunale.”

 

Quali di queste misure il sindaco ha messo in campo dal 25 maggio 2014 (giorno delle elezioni) ad oggi? Cosa ha fatto il sindaco per impedire, perlomeno facendo pressione sulle autorità di polizia, per impedire l’ennesima manifestazione fascista a Forlì?

 

A ben vedere, stando ai fatti, i fascisti di Casa Pound al sindaco Pd non danno poi tanto fastidio, anzi, potrebbero anche stare bene assieme visto che i fascisti commemoravano le “vittime” delle foibe, così proprio come ha fatto questa mattina lo stesso sindaco Drei per ricordare in chiave revisionista quelle poche centinaia di fascisti italiani giustamente giustiziati dai partigiani jugoslavi e quei 35.000 tra fascisti, spie, traditori, delatori e collaborazionisti che scapparono dalla Jugoslavia non perché espulsi ma per paura della collera della popolazione per aver occupato assieme ai tedeschi i territori della Jugoslavia, opprimendo e attuando una pulizia etnica che ha provocato 1.700.000 morti.

Insieme Drei e Casa Pound per commemorare i fascisti, insieme gli antifascisti per scacciarli!"

  

Cellula “Stalin” di Forlì del Partito Marxista-Leninista Italiano         

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.