16 novembre 2014 - Forlì, Cesena, Economia & Lavoro, Società

Giornata nazionale dei diritti e della tutela, sindacati uniti sulla vicenda dei patronati

Manifestazioni a Forlì e a Cesena per lanciare l'allarme: a rischio le tutele dei cittadini

FORLI/ CESENA - Prosegue la mobilitazione di CGIL CISL UIL e ACLI per chiedere la cancellazione della norma contenuta nella legge di stabilità che sarebbe un colpo mortale ai Patronati, mettendo in discussione il diritto dei cittadini ad essere assistiti gratuitamente per le pratiche riguardanti il diritto alla pensione, le pensioni di reversibilità, accesso al sussidio di maternità, di disoccupazione, indennità di mobilità, riconoscimento di malattie professionali, infortuni, invalidità civile, supporto per il riconoscimento di diritti in caso di malattia oncologica.

 

Queste alcune delle tipologie di pratiche che vengono svolte gratuitamente presso i Patronati. Di una cosa possiamo essere certi: se non cambia la legge di stabilità i servizi gratuiti erogati dai Patronati, non saranno più possibili, mettendo in discussione il diritto dei cittadini più bisognosi ad essere assistiti nella definizione della pratiche per il riconoscimento dei loro diritti.

 

Dopo l’incontro con i Parlamentari locali (Di Maio, Molea) che hanno dichiarato il proprio interesse nell’affrontare la problematica, anche i Sindaci del territorio forlivese, a seguito della lettera inviata dalle OO.SS. comunicano che Sindaci e Amministratori locali si incontreranno nella giornata di Martedì 18 p.v. e definiranno una presa di posizione inerente la problematica dei Patronati.

 

Nell’ambito della “mobilitazione” che ha visto la presenza dei Patronati in tutte le piazze dei Comuni del territorio, sabato in occasione della “Giornata nazionale dei diritti e della tutela”, CGIL CISL UIL e ACLI, hanno distribuito volantini informativi alla cittadinanza e raccolto firme per dire “NO AI TAGLI SI ALLA TUTELA” che si aggiungono alle diverse migliaia già raccolte nel nostro territorio, nei pressi del Centro Commerciale Punta di Ferro per spiegare l’impatto devastante della norma voluta dal Governo.

 

A Cesena la mobilitazione è stata accompagnata da un incontro pubblico al Foro Annonario a cui ha preso parte anche il Sindaco di Cesena, Paolo Lucchi

 

L’iniziativa sarà seguita da un presidio in programma Lunedì 17 Novembre davanti alla Prefettura di Bologna, a cui prenderanno parte le lavoratrici ed i lavoratori dei Patronati di CGIL CISL UIL e ACLI (che osserveranno una giornata di chiusura) assieme a delegazioni di rappresentanti sindacali e pensionati.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.