18 agosto 2014 - Forlì, Cultura, Società

Il ricordo di Silvio Corbari, Iris Versari, Adriano Casadei e Arturo Spazzoli

Settanta anni fa la brutale esposizione dei corpi in piazza Saffi a Forlì

TREDOZIO - Il 18 agosto 1944 i forlivesi dovettero assistere a uno spettacolo odioso e indegno, quello dei corpi dei principali esponenti della Brigata Corbari appesi ai lampioni di piazza Saffi dopo che il giorno precedente erano stati impiccati a Castrocaro Terme.

 

La brigata, nota col nome di Banda Corbari, riuscì anche a impiegare fino a 140 elementi, per la maggior parte giovani, ed ebbe come base operativa la zona che si estende fra Sadurano e Faenza, e anche le azioni di cui furono protagonisti i componenti della formazione partigiana, Corbari per primo, si svolsero in paesi e città limitrofe. Venivano decise azioni volte a cogliere di sorpresa il nemico e miranti a sfilacciare la rete di collegamenti approntata nel Forlivese e nel faentino dalle truppe tedesche e dalla milizia fascista.

 

Le figure di Silvio Corbari e dei suoi compagni furono presto note in zona perché si resero protagonisti di alcune beffe temerarie e audaci che colpirono la struttura militare tedesca mettendone in dubbio l'organizzazione e l'efficienza, così come colpirono appartenenti alle forze dell'ordine o delle organizzazioni fasciste mettendoli in ridicolo agli occhi dei cittadini. Per questo, dopo la cattura di Silvio Corbari, Iris Versari, Adriano Casadei e Arturo Spazzoli, i loro assassini si accanirono sui loro corpi che esposero con ostentazione sulle piazze di Castrocaro e di Forlì.

 

Nella lapide posta il 18 agosto 1945 su uno dei due lampioni divenuti tristemente celebri viene ricordato che: "Dai bracci di questi candelabri penzolarono impiccati per ischermo e ludibrio il 18 agosto 1944 i cadaveri dei partigiani Sirio Corbari (Sirio era il nome registrato all'anagrafe ndr), Adriano Casadei, Arturo Spazzoli, Iris Versari, testimonianza della efferata abbiettezza dei fascisti e monito ai cittadini che l'incolumità e la dignità della persona non vanno mai disgiunti dalla conquista e dalla difesa della libertà".

 

I quattro partigiani sono stati ricordati domenica 17 agosto 2014 a San Valentino e a Cornio, nei luoghi dove avevano trovato rifugio prima di essere catturati, durante una manifestazione promossa dai Comuni di Modigliana e di Tredozio.

 

Oltre a numerosi cittadini, autorità e rappresentanti di associazioni, erano presenti i familiari di Corbari e di Spazzoli, la sorella di Adriano Casadei e gli ex appartenenti alla formazione partigiana di Corbari Sergio Giammarchi e Francesco Lenzini; questi ultimi molto emozionati nel ricordare i loro compagni di lotta che persero la vita esattamente 70 anni fa.

Gabriele Zelli

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.