31 marzo 2014 - Forlì, Politica

Rivoluzione in 60 giorni, ecco la ricetta del cambiamento per Destinazione Forlì

Un dialogo di quasi due ore per Raffaella Pirini ospite all'Oltremodo Pub

FORLI' - Bilancio dei primi cento giorni di mandato da Sindaco? A Raffaella Pirini, candidata alla poltrona del Comune di Forlì per la lista “Destinazione Forlì” ne bastano solo sessanta per attuare la “rivoluzione”

Si partirebbe con l’affidamento in house, togliendo immediatamente “potere ad Hera”, spiega la candidata, per ricondurre parte delle attività legate ai rifiuti sotto l’egida del Consiglio Comunale, “operando per chiudere immediatamente gli inceneritori: il Sindaco lo può fare perché la costituzione che sancisce questa competenza, in quanto esso è il garante della salute dei cittadini”.

Come sempre immediata, senza filtri, Raffaella Pirini enuncia dati a sostegno della nocività degli impianti che troneggiano nella zona industriale forlivese: “Il 56% delle donne a Forlì muore in più rispetto all’atteso per malattie tumorali e c’è un aumento del 900% dei sarcomi dei tessuti molli. Sappiamo benissimo che ci sono protocolli d’intesa tra Arpa, Provincia di Forlì e Asl che concordano ed è tutto scritto e controfirmato in ogni pagina sul fatto che le polveri sottili dell’inceneritore sono dei potentissimi inquinanti che pregiudicano la salute, molto più di quelle prodotte dal traffico”.

Questo è solo uno dei diversi argomenti che la candidata della lista civica Destinazione Forlì ha presentato dialogando informalmente con i giovani presenti all ‘Oltremodo Pub nel corso del primo appuntamento con gli aperitivi pre elettorali.

Una punzecchiatura va ai “nemici amici” Cinque stelle riguardo ai quali  la Pirini dichiara: “E' vero che se avessimo mantenuto il Padrone forse a quest'ora avremmo garantita la possibilità di fare il Sindaco, ma è pur vero che essere stati cacciati è un grande motivo di orgoglio: non abbiamo padroni, pensiamo e decidiamo democraticamente e soprattutto possiamo dire senza ombra di dubbio che il principio inderogabile che permea tutti i componenti della Lista Civica è il rispetto. Prima viene la persona, la collaborazione, il dialogo con la cittadinanza, considerando ogni persona importantissima e portatrice di soluzioni e idee: dunque uno vale non solo uno ma tanto, tanto di più".

Porta a porta, cultura, associazioni di volontariato, centro storico: argomenti su cui si giocheranno le prossime elezioni e sui quali il candidato di Destinazione Forlì pare avere le idee chiare, merito anche dei 5 anni di duro lavoro in consiglio comunale.

Si inizia a parlare concretamente di programmi, anche perché il 25 maggio non è lontano: Destinazione Forlì c’è, ora si attendono i progetti degli altri 10 candidati.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.