31 marzo 2014 - Forlì, Cronaca, Società

Un sistema virtuoso di recupero, rigenerazione e rivendita di prodotti informatici

Gulliver punta alla riduzione dei rifiuti e creare valore sociale

FORLI' - Lunga, anzi, doppia vita ai PC! Questo è quel che succede in Irlanda con RECOSI, organizzazione non profit che ha finalità di inserire nel mondo del lavoro persone disabili e/o emarginate. Le attività di RECOSI sono tutte legate alla raccolta e al recupero di rifiuti destinati al riutilizzo, con particolare riferimento ai prodotti dell’Information Technology (IT).

Per questo un gruppo di cooperatori italiani della filiera dei RAEE coinvolti da ORIUS - Associazione di cooperative sociali ed enti di formazione - è di recente partito alla volta di Dublino, in visita a RECOSI. Nella comitiva anche la coop Gulliver e altri partner del progetto regionale RAEE IN CARCERE, esperti nella gestione di rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche di ogni tipo.

Un sistema virtuoso di recupero, rigenerazione e rivendita di prodotti informatici (PC, monitor, portatili, accessori, stampanti), ma anche uno spazio di mercato per l’inserimento lavorativo di svantaggiati: questo è quel che RECOSI ha implementato in Irlanda e che sta diffondendo oggi in Europa attraverso l’acquisizione di nuovi partner.
Le cooperative che hanno preso parte al viaggio, coinvolte nel progetto europeo “SIFOR - SISTEMA FORMATIVO AL VALORE-LAVORO DEL RIUSO”, stanno verificando la replicabilità in Italia di questo circuito virtuoso, in cui sono coinvolti direttamente partner come Microsoft, Dell, Intell, Apple. I grandi produttori ritirano dalle aziende le macchine obsolete che necessitano di sostituzione, e le consegnano alle imprese di RECOSI che ne effettuano lo smontaggio e la rigenerazione.

Alla base della partnership la garanzia, da parte di RECOSI, che i dati contenuti nelle macchine ritirate siano completamente distrutti e dunque inaccessibili a terzi. Una volta rigenerati e dotati di licenza Microsoft, nel caso di PC, questi beni sono venduti a prezzo di mercato oppure donati a scuole, enti e persone bisognose. Duplici dunque le implicazioni di RECOSI con il territorio: ridurre il quantitativo di rifiuti prodotti e creare valore sociale, obiettivi che la Coop Gulliver persegue quotidianamente nel laboratorio RAEE di Forlì  e nel Centro del Riuso del Comune di Forlimpopoli.

Dopo l’esperienza a contatto con gli Irlandesi, si ritorna in patria con la voglia sempre viva di pensare e progettare  nuovi servizi, nell’inesauribile sogno di inventare occasioni di lavoro.

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.