19 novembre 2013 - Forlì, Cronaca, Economia & Lavoro, Società

Electrolux, vertice in Prefettura

Le Istituzioni locali si attivano per avviare un incontro con il Governo

FORLI’ - Si è svolto questa mattina alle 9.30 l'incontro convocato dalla Prefettura di Forlì, su richiesta delle Organizzazioni Sindacali di categoria e Rsu dell’electrolux, in merito alla crisi che sta investendo tutti gli stabilimenti italiani del gruppo.

 

L'incontro di oggi arriva anche dopo che le lavoratrici e i lavoratori di Forlì (come quelli degli altri stabilimenti) nei giorni scorsi si sono mobilitati con iniziative di lotta e scioperi finalizzati sia a far cambiare posizione all'azienda che a richiedere un intervento da parte del Governo.

 

Alle Istituzioni presenti oggi all'incontro Fim, Fiom e Uilm hanno chiesto di intervenire congiuntamente innanzitutto nei confronti della multinazionale svedese, “perché non è accettabile che Electrolux si presenti agli incontri con decisioni già assunte gravissime per gli impatti occupazionali e industriali”, si legge nella nota diffusa dalle sigle sindacali.  All’orizzonte si prefigurano altri 461 esuberi tra impiegati e operai  nei quattro stabilimenti italiani e spostamenti di produzioni verso est, il tutto “senza che queste decisioni siano oggetto di negoziato”, rimarcano i sindacati.

 

L'incontro di oggi aveva però l'obiettivo di avviare una pressione congiunta da parte del territorio di Forlì, anche in relazione agli altri territori interessati dalla presenza degli stabilimenti di Electrolux, nei confronti della Presidenza del Consiglio dei Ministri affinché sia convocato al più presto un tavolo di confronto e trattativa nazionale sulla crisi del Gruppo, crisi che per i sindacati ed Rsu è il frutto di scelte sbagliate della multinazionale.

 

“Abbiamo ricordato alle Istituzioni che Electrolux è una multinazionale che continua a registrare utili e che le scelte di ulteriori delocalizzazioni e licenziamenti sono esclusivamente mirate a incrementare i profitti per gli azionisti”, scrivono ancora i sindacati.

 

L'incontro di oggi si è concluso con impegni importanti presi dalla Prefettura di intervenire immediatamente per ottenere gli incontri richiesti ai massimi livelli del Governo, in uno stretto coordinamento con tutti i territori interessati.

 

Al termine dell'incontro è stato consegnato a Comune, Provincia e Prefettura copia del documento unitario Fim Fiom e Uilm in merito alla richiesta di politiche industriali necessarie per difendere e salvaguardare la presenza in Italia del settore dell'elettrodomestico.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.