15 novembre 2013 - Forlì, Cronaca, Economia & Lavoro, Società

Questi sono i giovani che scriveranno il futuro della Romagna

Tre i progetti forlivesi premiati dal concorso "Il prodotto della Creatività"

FORLI' - Quaranta creativi emiliano-romagnoli premiati, diciotto progetti vincitori tra oltre 200 proposte arrivate da parte di oltre 1000 giovani, 100 mila euro dedicati allo sviluppo delle loro idee creative. Questi i numeri de “Il Prodotto della Creatività”, bando dedicato a giovani tra i 18 e i 35 anni, che è stato promosso dall'associazione GAER (Giovani Artisti Emilia-Romagna), presieduta dall'Assessore Valentina Ravaioli, e di cui il Comune di Forlì è Ente capofila, in accordo con la Regione Emilia-Romagna.

 

Giovedì scorso tutti gli artisti vincitori si sono dati appuntamento alla Fabbrica delle Candele per scambiarsi spunti, creare una rete di contatti e competenze e, soprattutto, presentare alla cittadinanza i loro progetti, alla presenza delle autorità e dei rappresentanti istituzionali dei vari territori.

 

Dalle arti performative, al recupero e riutilizzo dei costumi teatrali, dalla ricerca visiva e musicale alla valorizzazione della gastronomia locale, fino allo sviluppo di una linea d’arredo d’ufficio ecologica e a chilometro zero: una spinta creativa che coinvolge tutti i settori della cultura in modo innovativo e con un occhio attento alle esigenze del mercato.

 

Particolare soddisfazione è stata espressa  dall’Assessore alle Politiche Giovanili del Comune di Forlì e Presidente GAER, Valentina Ravaioli:"Ringrazio tutti i territori e la Regione per aver colto la sfida di investire su cultura e creatività come motori di crescita e di sviluppo, coniugando il recupero dei percorsi più strutturati e radicati e tradizionali, con il bisogno di innovazione e l’apertura alla sperimentazione ed alla contaminazione con temi come la tecnologia, la sostenibilità ambientale e le nuove concezioni dello spazio urbano".

 

"Quello che stiamo creando - spiega Donatella Bortolazzi,  Assessore alle Politiche Giovanili della Regione Emilia Romagna - è un percorso condiviso a livello regionale. Crediamo fortemente che i giovani siano una risorsa fondamentale e che abbiano enormi competenze. La possibilità di rendere concrete le loro idee e metterle in rete è per loro una grande occasione per far conoscere la propria professionalità”.   

 

Su 215 progetti in competizione, che hanno coinvolto circa 1000 giovani, diciotto sono stati selezionati, di cui tre dalla Provincia di Forlì-Cesena: “Spazi Indecisi”, “Digital Point” e “Giochi accessibili".

 

"Spazi Indecisi", progetto elaborato da Francesco Tortori, forlivese di 32 anni, è un progetto di valorizzazione e rigenerazione del patrimonio in abbandono. In questi anni di attività "Spazi Indecisi" ha sperimentato dispositivi culturali e mappato il territorio raccogliendo 4000 fotografie di quasi 400 spazi.

 

“Il bando Gaer - racconta il vincitore - è l’occasione per mettere a sistema tutto questo materiale fotografico, testuale e video raccolto, produrne altro, archiviandolo e facendolo diventare un patrimonio a servizio del territorio”.

 

Dalla ricerca sugli spazi dimenticati si passa allo studio di nuovi modi per comunicare con “Digital Point” di Maicol Cortesi, forlivese di 33 anni. La sua idea è quella di promuovere i giovani artisti locali e le aziende attraverso maxischermi a led in sostituzione dei classici pannelli pubblicitari.

 

“Il bando aiuta i giovani creativi a 360 gradi - commenta Cortesi -, ma ancora più importante è il fatto che riesca a metterci in relazione. Ho riscontrato molto interesse per il mio progetto e i contatti aperti oggi avranno sicuramente un ruolo primario per la sua realizzazione”.

 

Il team “Giochi Accessibili”, il terzo progetto forlivese vincitore, è formato da due neo laureati in design di prodotto, Marco Lombardi e Nazzareno Giannelli, provenienti dall'ISIA di Faenza. L'idea alla base del progetto è di mettere attorno allo stesso tavolo persone non vedenti, ipovedenti e normodotate e permettere a tutte loro di giocare, socializzare e divertirsi alla pari.

 

Questo è possibile grazie alle conoscenze e competenze dei due designer e alla particolare attenzione per gli aspetti tattili, cromatici e materici dei giochi da tavolo da loro ideati. "L'opportunità dataci dal GAER - spiega il 26enne Giannelli - ci permette di guardare più in grande, di pianificare meglio i prossimi mesi, di cercare la strada giusta per il lancio dei nostri giochi e di venire in contatto con altri giovani creativi emiliano-romagnoli e le loro interessantissime idee".

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.