4 novembre 2013 - Forlì, Agenda, Cultura, Società

Due incontri con Enzo Ciconte sulla legalità e la lotta contro le mafie

FORLI' - L’Assessorato alle Politiche giovanili del Comune di Forlì e l’Osservatorio comunale sulla Legalità, in collaborazione con l’Associazione Libera, organizzano due incontri con il professor Enzo Ciconte, storico delle mafie ed esperto di dinamiche delle organizzazioni criminali in Italia.

 

Gli appuntamenti sono in programma martedì 5 novembre, alle ore 21, presso il Centro giovanile "La Fabbrica delle Candele" in piazzetta Corbizzi n.30 (titolo: “'ndrangheta e infiltrazioni mafiose al nord e in Emilia-Romagna. Forlì è pronta a reagire?”) e mercoledì 6 novembre, alle ore 10.00, nel Salone Comunale in Municipio (piazza Saffi n.8) con la riflessione incentrato sul tema “Dalla storia all’oggi: origine e sviluppo delle mafie in Italia”.

 

Insieme al professor Ciconte interverranno l’Assessore alla politiche giovanili Valentina Ravaioli e il professore universitario Marco Borraccetti (docente dell’Università di Bologna e punto di riferimento dell’Osservatorio Comunale sulla Legalità). Coordina il giornalista Marco Colonna. Gli incontri sono rivolti ai giovani e aperti a tutti i cittadini.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.