25 ottobre 2013 - Forlì, Cronaca, Politica, Società

Rifondazione lancia l'attacco, presidio davanti alla Prefettura

"Via i fascisti da Predappio"

PREDAPPIO - "Nei giorni scorsi abbiamo lanciato l'appello 'Via i fascisti da Predappio' - affermano il segretario del Prc Emilia-Romagna Nando Mainardi e il segretario Prc della Federazione di Forlì Nicola Candido - e, nel giro di poche ore, sono arrivate centinaia e centinaia di adesioni. Tra queste, citiamo con particolare piacere Lidia Menapace, figura storica della sinistra e staffetta partigiana; Ennio Moriggi, presidente dell'Anpi di Albano Laziale, in prima fila nella contestazione al tentativo di celebrare le esequie di Priebke; Tina Costa, staffetta partigiana; Vito Francesco Polcaro, Presidente dell'Anpi di Roma e del Lazio; Leonardo Rinaldi, presidente dell'Anpi di Genazzano e promotore del comitato contro il mausoleo di Rodolfo Graziani.

"A loro si aggiungono - hanno proseguito i due segretari - lo scrittore Valerio Evangelisti; l'ex senatrice Haidi Giuliani; il segretario nazionale di Rifondazione Comunista Paolo Ferrero; il giornalista e studioso dell'estrema destra Saverio Ferrari; lo scrittore Girolamo De Michele; la docente universitaria Maria Rosaria Marella.

Ci sono anche Rosa Piro e Stefania Zuccari, madri rispettivamente di Davide "Dax" Cesare e Renato Biagetti, uccisi negli anni scorsi da criminali neofascisti. 

E poi tantissime firme di militanti e dirigenti della sinistra di alternativa, antifascisti, semplici cittadine e cittadine.

E' il segno dell'indignazione diffusa verso la presenza fascista a Predappio, che Rifondazione definisce addirittura "luogo di squallido 'pellegrinaggio' mussoliniano".

 

"Tra pochi giorni sarà l'anniversario della marcia su Roma e, probabilmente, avverrà la consueta parata di nazifascisti. Peraltro, il 28 ottobre è anche l'anniversario della Liberazione di Predappio - hanno affermato Mainardi e Candido - ma il territorio comunale è consegnato incredibilmente per l'occasione ai fascisti. Abbiamo chiesto, infatti, una piazza per festeggiare la Liberazione ma ci è stata negata. Per questo Rifondazione Comunista ha  promosso, per sabato 26 ottobre ore 15.30 un presidio davanti alla Prefettura di Forlì: com'è possibile che un Comune venga consegnato per ventiquattr'ore ai fascisti e venga sospesa la Costituzione?"

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.