16 settembre 2013 - Forlì, Cronaca, Economia & Lavoro

Sidercom, i sindacati dicono di no “al concordato in bianco”

Cgil, Cisl e Uil spingono per la continuità aziendale

FORLI’ - Le Organizzazioni Sindacali di Filcams CGIL, Fisascat Cisl e Uiltucs UIL, a seguito dell’ultimo incontro con la direzione aziendale di Sidercom Spa, sono state messe al corrente dall’ amministrazione delegato che entro la fine di settembre verranno avviate le procedure di concordato preventivo.

 

Tali procedure, come preannunciato da Confindustria, verranno attivate “in bianco” ovvero con la riserva di produrre un piano che contenga la proposta ai creditori avendo così l’effetto di bloccare i crediti “ma anche, a nostro avviso – scrivono i sindacati - di far perdere ulteriore tempo svilendo il patrimonio aziendale e le opportunità di riprendere in tempi brevi l’attività”.

 

I lavoratori e le lavoratrici di Sidercom S.p.a questa mattina si sono nuovamente riuniti di fronte ai cancelli dell’azienda assieme alle Organizzazioni Sindacali per richiedere alla famiglia Baraghini, titolare dell’impresa, una risposta concreta dopo 11 mesi di cassa integrazione a zero ore e non, come avvenuto fino adesso, risposte vaghe sia sulle ragioni che hanno comportato l’accumularsi di tale debito che sul futuro dell’azienda.

 

“E’ necessario – continuano i sindacati - a questo punto dare continuità a quanto definito nell’incontro avvenuto presso la Prefettura di Forlì e Cesena con le Istituzioni del territorio in cui si chiedeva in particolar modo alla Camera di Commercio e a Confindustria, in rappresentanza dell’azienda e del tessuto imprenditoriale forlivese,  di collaborare per la ricerca di un’acquirente interessato ad investire in Sidercom S.p.a”.

 

Filcams Fisascat e Uiltucs  si sono fatte carico di richiedere alla Provincia di Forlì-Cesena di coordinare la task-force, concordando un primo incontro per venerdì 20 settembre alle ore 11.30 in Provincia; durante tale incontro i lavoratori manifesteranno sotto la sede dell’Ente di Forlì Cesena per richiedere un immediato sblocco della situazione e un impegno del datore di lavoro a ricercare una proposta seria per il futuro di 29 lavoratori e delle loro famiglie”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.