28 agosto 2013 - Forlì, Cesena, Cronaca, Società

Aviaria, La Provincia chiede aiuti ai Ministeri della Sanità e dell'Agricoltura

FORLI' / CESENA - Con una lettera inviata ieri, il Presidente della Provincia di Forlì-Cesena, Massimo Bulbi con l'Assessore alle politiche agroalimentari, Gianluca Bagnara, hanno portato all'attenzione dei Ministri della Sanità, Beatrice Lorenzin e dell'Agricoltura, Nunzia De Girolamo la criticità e la loro preoccupazione per le ripercussioni che, l'individuazione, in Italia, di alcuni focolai di influenza aviaria, hanno avuto sulla filiera avicola provinciale che riveste un ruolo economico e sociale di primaria importanza.

 

Dopo aver ricordato che il sistema dei controlli e le conseguenti disposizioni del Ministero Sanità e della Regione Emilia-Romagna sono stati tempestivi ed efficaci, sia per il contenimento che per l’eradicazione dell’influenza dagli allevamenti, è stato rilevato che le ordinanze ministeriali hanno, purtroppo, fatto sorgere numerose criticità per la gestione degli allevamenti e danni economici alle imprese dovuti anche ad un'alterazione del mercato (aumento delle importazioni dall'estero). Per ovviare a ciò, Bulbi e Bagnara, hanno chiesto che le limitazioni alla movimentazione dei prodotti agricoli siano contenute solamente nella zona di protezione.

 

Inoltre sono stati richiesti interventi per favorire la ripresa dell’attività produttiva su tutto il territorio regionale, quali:

  • Indennizzo per i capi abbattuti e rimborso delle spese sanitarie sostenute ai fini della prevenzione dell'influenza aviaria

  • Interventi per favorire la ripresa dell’attività produttiva delle imprese agricole nonché le cooperative ed imprese di lavorazione, trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli e le organizzazioni dei produttori riconosciute, ricadenti nelle zone delimitate:

    • sospensione dei termini relativi ad adempimenti e versamenti tributari nonché il pagamento di ogni contributo o premio di previdenza e assistenza sociale, ivi compresa la quota a carico dei dipendenti, senza aggravio di sanzioni, interessi o altri oneri, a favore di:

    • a) imprese di allevamento avicolo anche della filiera avicola rurale, biologica, e della fauna selvatica, compresi gli incubatoi e i centri di imballaggio delle uova;

    • b) imprese di lavorazione e trasformazione dei prodotti avicoli;

    • c) imprese mangimistiche operanti nella filiera e degli esercenti attività di commercio all'ingrosso.

    •  

    • Sospensione dei pagamenti delle rate delle operazioni creditizie e di finanziamento; le imprese della filiera possono accedere ad operazioni di ristrutturazione e consolidamento dell'indebitamento.

    • Ripristino dei pagamenti di cui ai punti precedenti attraverso rate semestrali in 5 anni con interessi legali.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.