28 giugno 2013 - Forlì, Cesena, Cronaca, Politica, Società

Provincia, mancano i soldi

Stangata per associazioni culturali e manutenzione delle strade

FORLI' / CESENA - Pesanti tagli alle finanze della provincia che si ripercoteranno su tutto il territorio e sui servizi ai cittadini.

Sulla base del taglio quantificato per la Provincia, una riduzione di ben 7 milioni e 359 mila euro, rispetto agli oltre 4 milioni già previsti nel bilancio di previsione, è stata prevista un ulteriore riduzione di oltre 3 milioni di euro, che rientreranno alla voce della spesa corrente.

I minori trasferimenti dallo Stato hanno determinato dal canto loro l'azzeramento del fondo sperimentale di equilibrioe questocomporterà la necessità, da parte dell’Ente di Forlì Cesena, di rimborsare allo Stato una parte degli introiti da RC auto, pari a 565.000 euro.

 

“Si tratta di una situazione drammatica rispetto alla quale la Giunta si trova a dover prendere delle decisioni sofferte – spiega l’assessore al Bilancio Maurizio Brunelli - La prima conseguenza sarà il taglio delle risorse, pari a 70 mila euro, a titolo di contributo, alle associazioni e istituzioni culturali del territorio quali, ad esempio, Associazione Diego Fabbri, Fondazione Tito Balestra, Istituto Storico della Resistenza.

 

Oltre a questi saranno azzerati anche i contributi provinciali stanziati per il Centro ricerche marine di Cesenatico e la quota consortile Ser.In.Ar per l'anno 2013.

Anche giunta e consiglio dovranno fare i conti con un importante giro di vite, con il taglio dei gettoni di presenza e indennità di carica per un totale di oltre 120 mila euro. La riduzione si ripercuoterà anche sul personale e le spese generali per gli uffici: qui la stangata peserà circa 320 mila euro.

 

Altra voce, questa preoccuperà fortemente i cittadini è il contenimento della spesa per la manutenzione delle strade. In questo ambito si cercherà di risicare ulteriormente i fondi per risparmiare quasi 600 mila euro per Forlì e altrettanti per Cesena.

Una boccata d’ossigeno viene tuttavia dalla Regione, che allentando i limiti del patto di stabilità permetterà alla Provincia di sbloccare circa 1 milione di euro di mutui arretrati per interventi nella manutenzione straordinaria delle strade.

 

Per ottenere risorse regionali e non impoverire il territorio sarà attivato un progetto regionale relativo alla segnaletica stradale, dell'importo complessivo ,di 250 mila euro 150 dei quali verranno dall’Ente emiliano romagnolo, che consentirà di realizzare interventi sulla segnaletica verticale al fine di garantire sempre maggiore sicurezza e percorribilità delle nostre strade.

 

“Queste variazioni di bilancio ci condannano. Quali emergenze potremo affrontare da qui alla fine del mandato con poco più di 100 mila euro? Forlì ormai è isolata nel campo della sanità, dei rifiuti, delle fiere. Che funzione abbiamo ad oggi come ente?”, si chiede Stefano Gagliardi capogruppo PDL.

 

Dello stesso avviso anche Francesco Billi, Lega Nord che ha commentato: “Gli enti locali sono la prima trincea per risolvere i problemi del territorio e invece sono stati privati delle risorse necessarie. E' necessario riportare soldi nei territori per andare ad intervenire dove c'è bisogno a servizio dei cittadini”.

 

Sul lato della maggioranza Minghini (PD) ha evidenziato l’emergenza e la necessitàdi fare di più: “Quando si tagliano i servizi purtroppo la ricaduta forte è proprio sul territorio. Noi come gruppo consiliare chiederemo di destinare anche parte delle nostre risorse per poter sostenere le istituzioni e associazioni provinciali che si vedranno tagliati i contributi”.

 

Enrico Samorì

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.