Romagna Acque, il Pdl accusa: “Giochi di partito e beghe personali”

Gagliardi: “Dirigenza locale distrugge quel poco che è rimasto”

FORLÌ-CESENA. Contiene a fatica lo sdegno il capogruppo del Popolo delle Libertà Stefano Gagliardi in consiglio provinciale a seguito dell'annunciato probabile mancato rinnovo alla presidenza di Romagna Acque di un rappresentante forlivese, a vantaggio del riminese Bernabè. E presenta un'interrogazione a risposta in aula che suona come un pesante atto d'accusa nei confronti della giunta Bulbi e, più in generale, del sistema politico romagnolo di centro sinistra.

“Oltre a rimarcare come anche in questa occasione le divisioni e le liti, tutte fra amministratori di spicco del PD, finiscano per danneggiare il nostro territorio, vorrei sapere se è vero che i sindaci di Forlì, Cesena, Ravenna e Rimini si sono ritrovati per decidere le sorti di Romagna Acque, senza il coinvolgimento di tutti gli altri soci della Società”.

E si rivolge direttamente al presidente Massimo Bulbi: “non pensa che anche questo episodio sia emblematico di una dirigenza locale che pare non pensare più a costruire ma a distruggere quel poco che è rimasto, a discapito dei cittadini e delle istituzioni?E' vero che la cessione a Rimini della presidenza di Romagna Acque, che per i prossimi anni dovrebbe investire oltre 300 milioni di euro, sarebbe stata fatta per consentire a Forlì di avere quella di Start Romagna, che non pare invece navigare nell’oro”. Gagliardi affonda il suo colpo nel vivo, lasciando intendere che l’atto di togliere la presidenza alla Provincia di Forlì-Cesena possa essere dovuta a beghe di partito o, ancora peggio, personali.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.