21 giugno 2013 - Forlì, Cronaca, Politica, Società

Il valzer delle poltrone a Romagna Acque

La Provincia infastidita "bucherà" il prossimo incontro

FORLI' -  La Provincia di Forlì-Cesena non parteciperà alla riunione del coordinamento dei soci di Romagna Acque di lunedì 24 giugno, prevista alle 14.30 al Comune di Rimini, e in contemporanea (ore 15,30, Sala Giunta) indice una conferenza stampa per illustrare i motivi della mancata partecipazione. Sul tema del rinnovo della presidenza di Romagna Acque intervengono il Presidente Massimo Bulbi e il vice-presidente Guglielmo Russo:

Quanto è accaduto ieri ha dell’inverosimile ed è da parte nostra inaccettabile. Prima si convoca il coordinamento dei soci di ‘Romagna Acque’, poi lo si rinvia a lunedì 24 giugno, ma nel frattempo veniamo a scoprire che alcuni soci - i sindaci di Forlì, Cesena, Ravenna e Rimini - si sono ritrovati per un vero e proprio “caminetto” per decidere le sorti di Romagna Acque, promettersi scambi di poltrone e magari altro che non è dato sapere. Il coordinamento dei soci, invece, viene convocato per una data, lunedì, in cui a quanto pare sarà già tutto deciso. E’ un peccato: è stata persa una buona occasione. Si sarebbe dovuto discutere del futuro assetto idrico della Romagna, degli investimenti strategici per una risorsa così importante come l’acqua. Invece ci si è limitati al solito e poco edificante scambio di nomine. Se questa è la trasparenza, se questa è la nuova politica, se questa è correttezza istituzionale, la musica che suona sembra quella già sentita e risentita del “valzer delle poltrone”. Per questo non parteciperemo al prossimo coordinamento dei soci. Non si tratta di una scelta contro il candidato Bernabè – persona che gode della nostra stima -, ma contro un metodo non rispettoso e poco trasparente. Questa spartizione esula da ogni discussione di merito sul ruolo fondamentale svolto da Romagna Acque ed anzi la relega a puro sfondo privo di significato. Spiace, in particolare, che alcuni sindaci del nostro territorio si siano prestati a questo gioco. A loro chiediamo se ritengono di aver difeso fino in fondo gli interessi del territorio, un territorio che – ricordiamo – ospita la principale fonte di approvvigionamento idrico della Romagna, la diga di Ridracoli, frutto di intuizioni e battaglie appassionate di grandi sindaci di Forlì, come Giorgio Zanniboni e Angelo Satanassi. Proprio per questo continuiamo a ritenere che la presidenza debba rimanere legata al territorio di Forlì-Cesena, indipendentemente da chi sarà scelto per tenerne le redini ”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.