8 maggio 2013 - Forlì, Cronaca, Società

Va su tutte le furie e scaglia la tv contro un'ambulanza

FORLI’ - Ha letteralmente perso le staffe ed ha preso a martellate muro e scale del condominio dove abitava. Un quarantenne è stato fermato dalla polizia di Forlì, intervenuta su segnalazione di un inquilino del palazzo per la musica ad alto volume che proveniva dal suo appartamento.

Come una furia l’uomo ha lanciato prima la lavatrice giù per la tromba delle scale per poi scagliare un borsone dalla finestra, che ha colpito il parabrezza di un’auto parcheggiata sulla strada. Non contento ha preso la sua tv e ha gettato anche questa dalla finestra colpendo un’ambulanza intervenuta sul posto. Il palazzo è stato letteralmente accerchiato dalle forze dell’ordine: sono intervenuti Vigili del Fuoco, Polizia Municipale, Carabinieri, sanitari di Romagna Soccorso. Tutte le forze in campo hanno lavorato alacremente per riuscire a mettere al sicuro i condomini e per far ragionare il quarantenne che stava dando in escandescenza.Il tutto si è concluso con un sospiro di sollievo: si è evitato il peggio e l’uomo è stato ricoverato all’Ospedale Morgagni Pierantoni di Forlì per accertamenti.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.