All'Innovazione Responsabile arriva "Ugo", il nuovo modello di certificazione volontaria

FORLI’ - Quando l’innovazione è “responsabile”, in grado di rispondere alle esigenze dell’uomo moderno, diventa di maggiore interesse per le imprese che ne possono fare una leva vincente sui mercati. E’ possibile apprendere le modalità che possono condurre verso una forma migliore di innovazione, in grado di generare benefici per la collettività e per la qualità della vita delle persone, come è stato sottolineato nel corso delseminario “Innovazione Responsabile - miglioramento della qualità della vita come obiettivo delle imprese” che si è svolto a Bologna organizzato da Unioncamere Emilia-Romagna, in collaborazione con Cise (Centro per l’innovazione e lo sviluppo economico), azienda speciale della Camera di commercio di Forlì-Cesena. “Per le imprese – ha detto Luca Valli, direttore del Cise– significa connettere la ricerca del nuovo, del meglio, del più efficiente e del più efficace sul mercato, con la capacità di assumersi la responsabilità di sondare e gestire gli effetti che l’innovazione può avere per la società e per i cittadini. Un’azienda capace di innovare in maniera responsabile ha prospettive di durata e di successo nel tempo migliori”.

All’esigenza di governare l’innovazione con l’obiettivo di coniugare nel modo più adeguato la competitività al miglioramento della qualità della vita vuole rispondere “Ugo”, il nuovo standard di certificazione su base volontaria, ideato dal Cise, cheè stato illustrato nel corso del seminario. Come evidenziato da Ugo Girardi, segretario generale di Unioncamere Emilia-Romagna

Ugo è uno strumento flessibile e modulare che permette una interazione con gli stakeholder, ossia i portatori di interesse nei confronti dell’impresa, che comunica il proprio impegno nell’innovazione fatta responsabilmente”.

Il “modello Ugo” vuole ridurre il rischio di insuccesso che è sempre dietro l’angolo per l’innovazione.

L’aspettativa– ha aggiunto Valli – è di orientare un sempre maggior numero di organizzazioni verso un’innovazione con finalità condivise, in grado di incrociare le performance aziendali con l’interesse della collettività. Ugo non è un bollino, ma un meccanismo di gestione dei processi di innovazione nelle imprese”.

Ai principi sottostanti all’idea della “certificazione Ugo” che può essere applicata da qualsiasi organizzazione è dedicato il primo di una serie di tre volumi sull’Innovazione Responsabile. Il secondo sarà sugli ambiti applicativi (impresa, pubblica amministrazione, settori emergenti), il terzo sui metodi attraverso i quali l’innovazione responsabile può essere gestita.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.