11 marzo 2013 - Forlì, Agenda, Cultura, Eventi, Spettacoli

L'Artusi Jazz sbarca a Forlì

Il "locale difffuso" fa tappa al Liceo Musicale di Forlì

FORLI' - Mercoledì 13 marzo, al Liceo Musicale di Forlì alle ore 21.30 prosegue ARTUSIjazz Club, il 'locale diffuso' organizzato dall'associazione Dai de Jazz di Forlimpopoli. Dopo l'esordio con Roberto Gatto e il suo trio Replay, apprezzato dagli affezionati e tenaci appassionati equipaggiati con catene da neve, è la volta di uno dei più promettenti talenti pianistici italiani: Giovanni Guidi, giovane (è del 1985) lanciato da Enrico Rava prima nei Rava Under 21, poi diventato Rava New Generation. A Forlì, all'interno del Liceo Musicale Angelo Masini, si esibirà con il suo Late Blue Trio con Joao Lobo alla batteria e Thomas Morgan al contrabbasso. Biglietti a partire da 13 euro. Per tutte le informazioni è possibile consultare il sito internet www.artusijazzfestival.com

Se lo stato di salute di un movimento artistico si misura anche dalla capacità delle nuove generazioni di mettersi in gioco delineando nuove strade, si può star certi che il jazz italiano viva un momento di grazia unico. Giovanni Guidi è uno degli esempi più convincenti di questo periodo storico.  In questa formazione, con cui ha registrato un album ( City of broken dreams) in uscita in questi giorni  pubblicato  per la prestigiosa etichetta ECM, ha cooptato due musicisti giovani, ma di grande esperienza: l’americano Thomas Morgan, bassista prediletto da Paul Motian negli ultimi anni della sua vita e collaboratore di Steve Coleman, John Abercrombie, Mark Feldman, Craig Taborn, Jim Black, tra i tanti e il portoghese Joao Lobo, richiestissimo batterista tra i giovani musicisti europei più interessanti.   Ambedue hanno già collaborato con Giovanni, Morgan nei quintetti e Lobo nel quartetto e nella Unknown Rebel Band, tutti documentati nei Cd pubblicati da Cam Jazz.
Oggi Giovanni Guidi non è più una rivelazione: in pochi anni e a passi da gigante ha trovato una propria strada - fatta di una progettualità unica e di una lucida consapevolezza nelle scelte artistiche - che lo sta portando ad affermarsi, oltre che come pianista, come organizzatore di suoni di prima scelta.
E non è certo un caso che musicisti illuminati come Enrico Rava e Gianluca Petrella l'abbiano voluto al loro fianco e a lui difficilmente rinuncino.
Il trio si muove con estrema libertà tra varie suggestioni e atmosfere, esaltandosi in estroversione e spregiudicatezza, senza perdere di vista però il pensiero melodico, il lirismo e la cantabilità che sono i tratti salienti della personalità del pianista umbro.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.