6 marzo 2013 - Forlì, Cesena, Cronaca, Società

Corpo Forestale dello Stato, un anno di controlli sul territorio provinciale

Destano preoccupazione il fenomeno degli incendi boschivi e dei bocconi avvelenati

FORLI’ / CESENA - Un anno di controlli del Corpo Forestale dello Stato: cosa è stato messo in campo per contrastare gli illeciti ambientali e la criminalità perpetrata nei confronti della flora e della fauna del territorio provinciale. Nell’ambito della prevenzione, i reparti hanno attuato nel corso di tutto il 2012, azioni di monitoraggio continuo. In un anno solare, sono stati effettuati 12.390 controlli, accertate 5.135 persone e 481 veicoli,  in particolar modo nelle zone collinari e alto appenniniche. I settori di maggiori interessi sono stati quelli relativi alla  “tutela del territorio”  e in questo caso sono stati eseguiti  3.156 controlli, accertando anche in questo caso la posizione di 505. A queste si sommano le collaborazione con le altre Forze di Polizia, in ossequio alle indicazioni della Prefettura e della Questura, che hanno portato all’esecuzione di  3.017 azioni di controlli verificando anche 84 persone.

Il controllo all’interno delle “aree protette” svolto in prevalenza dai Comandi Stazione Forestale che operano all’interno del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna sono stati  2.364 ed ha visto l’accertamento della posizione di 732 persone. Per quanto concerne invece la “tutela della fauna” i controlli sono stati 1.769 controlli e 1.339 sono state le persone sottoposte ad accertamenti più approfonditi.

Nell’ambito della “tutela della flora” 516 controlli sono stati messi in campo e 710 sono le persone esaminate. Sul territorio non sono mancate le verifiche relative a “discariche e i rifiuti” (248 controlli e 82 persone controllate), agli “incendi boschivi” (n. 222 controlli e n. 183 persone controllate) e alle infrazioni al codice della strada nelle zone di competenza territoriale e con i servizi mirati al controllo dell’autotrasporto in particolar modo di rifiuti, animali e prodotti della filiera agro-alimentare (complessivamente n. 415 controlli, n. 1.149 persone controllate e n. 364 veicoli controllati). Nel corso del 2012il Corpo Forestale dello Stato è stato coinvolto in molteplici attività e servizi di Pubblico Soccorso e di Protezione Civile sia singolarmente che in collaborazione con altre forze di polizia in occasione di eventi di particolare rilevanza, tra le quali, le eccezionali nevicate del mese di febbraio che hanno interessato la Romagna ed il sisma che nel mese di maggio ha colpito vaste zone dell’Emilia. Sempre numeri alla mano, si evidenzia il lavoro che il Corpo Forestale ha investito nell’ambito dei controlli sulla filiera agroalimentare, con 19 verifiche sui prodotti di qualità DOP e IGP (rilevano in questo caso 2 irregolarità sanzionate con 6.339 euro di ammenda) e 31 controlli sulla qualità di prodotti a denominazione ed indicazione geografica protetta realizzati, commercializzati nelle aree protette (rilevando in questo caso 9 irregolarità con conseguente denuncia di 2 persone e 10 sanzioni amministrative elevate per un ammontare di 9.249,54 euro), 5 controlli sullo smaltimento dei sottoprodotti e 36 controlli sul contrasti ai crimini agro-alimentari nel settore oleario, lattiero caseario e zootecnico (rilevando tre irregolarità sanzionate a livello amministrativo con 9.500,00 euro).

Il Servizio CITES Territoriale, nell’ambito delle attività di competenza sulle tre province della Romagna, durante l’anno 2012 ha svolto 128 verifiche sulla conformità delle norme di detenzione e commercio delle specie animali e vegetali tutelate ai sensi della Convenzione di Washington; sono stati interessati i settori della lavorazione e trasformazione dei pellami, dei circhi, delle manifestazioni espositive a carattere nazionale, della detenzione di avorio.  A seguito di queste attività sono state inviate all’Autorità Giudiziaria due notizie di reato ed  elevando una sanzione amministrativa da 30.000,00 euro. Il2012, come purtroppo in tutta la penisola, è stato un anno particolarmente disastroso per gli incendi boschivi. Sono stati ben 27 gli eventi che hanno interessato nei vari mesi dell’anno le formazioni forestali della provincia:

Nelle Tabelle di seguito riportate sono riepilogati il numero degli illeciti amministrativi accertati ed il numero delle persone conseguentemente sanzionate ed il numero delle Comunicazioni di Notizia di Reato inoltrate all’Autorità Giudiziaria e delle persone conseguentemente denunciate dal personale del Corpo Forestale dello Stato in forza nella provincia di Forlì-Cesena nell’anno 2012.

 

 

 

ILLECITI AMMINISTRATIVI

 

 

N.

SETTORE D'INTERVENTO

Illeciti accertati  

Persone sanzionate   

Sequestri

1

Tutela del territorio

155

148

0

2

Tutela della fauna

87

79

9

3

Tutela della flora

50

48

9

4

Aree protette

37

29

10

5

Discariche e rifiuti

25

23

2

6

Inquinamenti

8

9

0

7

Tutela della salute

11

10

0

8

Codice della strada

210

202

0

9

Frodi a danno dell’Unione Europea            

3

3

0

10

Incendi boschivi

1

1

0

11

Altre disposizioni di legge

10

10

0

 

 

 

 

 

 

Totale generale

597

562

30

 

            La somma risultante dalla notifica dei  562 P.V. è pari a 162.628,19 Euro.

 

 

COMUNICAZIONI DI NOTIZIE DI REATO

 

N.

SETTORE D'INTERVENTO

Reati accertati  

Persone denunciate   

Sequestri

1

Tutela del territorio

37

48

3

2

Tutela della fauna

16

9

14

4

Incendi boschivi

28

5

6

5

Discariche e rifiuti

8

6

3

6

Inquinamenti

4

2

2

7

Delitti contro la Pubblica Amministrazione           

4

4

0

8

Delitti contro il patrimonio

7

5

0

9

Delitti contro la fede pubblica

1

1

0

10

Delitti contro la persona

1

1

0

11

Tutela della salute

1

2

0

12

Tutela del patrimonio storico-artistico

1

0

0

13

Altre disposizioni di legge

2

1

1

 

 

 

 

 

 

Totale generale

110

84

29

           

Fortunatamente nel territorio provinciale nel corso del 2012, tirando le dovute somme non si registrano preoccupanti situazione di illegalità ambientale, fatte salve la problematica degli incendi boschivi e quella dell’impiego dei bocconi avvelenati, aspetto che va ad incidere non esclusivamente e direttamente sugli ecosistemi naturali ma spesso colpisce anche animali d’affezione. “Deve essere comunque mantenuta alta l’attenzione sul controllo e sulla tutela degli ambienti naturali in quanto dai dati sull’attività sanzionatoria, con tutti i limiti della statistica – spiega il Comandante Provinciale  Gianpiero Andreatta -  emerge come vi sia una costante verifica di illeciti compiuti in danno dell’ambiente, della filiera agro-alimentare e/o condotti all’interno di ambienti naturali: sono oltre 2 gli illeciti penali e oltre 10 quelli amministrativi riscontrati in media settimanalmente, il che fa emergere un quadro dove l’ambiente naturale viene minacciato quotidianamente da una serie di condotte illecite le quali, purtroppo, anche se  singolarmente comportano una minima incidenza, nel loro complesso costituiscono un significativo negativo impatto per l’integrità ambientale e del territorio, per la flora e per le fauna, per la filiera agro-alimentare”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.