13 febbraio 2013 - Forlì, Cronaca, Società

Anche la Rete donne della CGIL sostiene “One billion rising”

Con una nota il sindacato si schiera a difesa delle donne

FORLI' - La rete delle donne Cgil dell'Emilia Romagna aderisce ed invita ad aderire all'appello “ONE BILLION RISING” per promuovere e sostenere la lotta non-violenta contro tutte le sopraffazioni che le donne subiscono nel mondo.

Un ballo collettivo, in mille piazze d'Italia, d'Europa e del mondo, unirà tante e tanti il prossimo 14 febbraio, in una forma inedita, gioiosa e creativa per dimostrare la potenza delle donne che si ribellano alla violenza e ai maltrattamenti di genere.

La partecipazione in forma celebrativa e non violenta intende contrapporre esplicitamente la bellezza e la solarità delle donne contro la violenza di genere attraverso la forma creativa di un ballo comune.

L'obiettivo è quello di contribuire a raggiungere un miliardo di donne e di uomini giusti che, attraverso la forma della danza unisca forze, consapevolezza e determinazione contro ogni forma di violenza e di maltrattamenti subiti dalle donne in ogni parte del mondo.

Le donne CGIL dell'Emilia Romagna saranno in ognuno dei luoghi organizzati nelle città della regione, cosi come saranno sempre al fianco di chi si batte contro ogni forma di violenza e di emarginazione delle donne.

Le donne Cgil che con la loro quotidiana azione di difesa verso i diritti delle donne, di contrattazione nei territori per ottenere Piani integrati di contrasto e di prevenzione alla violenza di genere, o nelle aziende per conquistare codici antimolestie e interventi antidiscriminatori, parteciperanno alle tante iniziative organizzate nelle città ed insieme a tutte le altre punteranno al cielo il dito in segno di rivolta.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.