13 febbraio 2013 - Forlì, Cronaca, Società

Armi nascoste in casa/2

La comunicazione ufficiale della Polizia di Stato di Faenza

FORLI’ - Domenica sera, le Volanti della Polizia di Stato del Commissariato P.S. di Faenza (RA), sono intervenute al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Faenza (RA) , ove si era presentato, con una ferita da arma da fuoco alla mano sinistra, un cittadino straniero domiciliato a Forlì.

La prima versione dell’episodio non ha convinto i poliziotti del Commissariato di Faenza che hanno chiesto l’intervento dei colleghi della Squadra Mobile della Questura. E’ scattata così un vasta serie di accertamenti che ha portato gli investigatori, assieme ai colleghi delle Volanti e della Squadra Mobile di Forlì, sino all’abitazione ed all’azienda nella disponibilità del ferito.

L’appartamento dello straniero, cittadino inglese, originario dello Zimbabwe, di 48 anni, da tempo domiciliato a Forlì ove gestiva un’azienda agricola, ha subito impressionato i poliziotti, che si sono trovati di fronte un vero e proprio arsenale ed un rudimentale spazio destinato a poligono. Le armi erano custodite in diversi luoghi e nascondigli, persino in alcune stoviglie risposte negli scaffali della cucina.

Le operazioni estese a tutti gli immobili nella disponibilità del ferito, che hanno impegnato per tutta la giornata i poliziotti di Ravenna e Forlì e la Polizia Scientifica, hanno consentito di sequestrare fucili e pistole clandestine, alcune con matricola abrasa, tra cui: una Glock cal. 9x21, completa di caricatore e munizionamento; un fucile Beretta cal.12 con canne sovrapposte e matricola abrasa; una revolver cal. 38, priva di marca; un revolver Smith & Wesson, cal. 32, con matricola abrasa; una pistola Beretta cal. 7,35, con matricola abrasa completa di caricatore; una pistola Beretta, cal. 7,65, completa di caricatore con 5 proiettili; oltre 1000 munizioni di vario calibro, sette pistole c.d. scacciacani, due fucili e due pistole ad avancarica c.d. repliche di libera vendita.

La perquisizione effettuata nell’auto vicina all’ospedale di Faenza ha consentito di sequestrare una pistola replica con colpi a salve e numerosi bossoli esplosi calibro 9x21 e cal. 7,65.

Una volta dimesso dall’ospedale l’uomo è stato arrestato dai poliziotti di Ravenna e Forlì e portato al carcere forlivese a disposizione dell’Autorità giudiziaria cui dovrà spiegare quali fossero le reali motivazioni che lo hanno portato a detenere tanti armi clandestine.

Parallelamente sono in corso gli accertamenti per verificare la provenienza delle armi  e l’eventuale utilizzo in pregressi fatti delittuosi o di sangue.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.