7 febbraio 2013 - Forlì, Brevi, Sanità, Società

Grande successo per il corso per gestanti cinesi

L'iniziativa è stata organizzata dal Consultorio e dal Centro Famiglie

 

FORLÌ. 653 gravidanze nel 2012. A tanto ammonta il dato che riguarda le donne straniere nel territorio forlivese. Nel 2011 erano state 627, nel 2010 ben 613. E ora il consultorio dell'Ausl di Forlì ha organizzato, in collaborazione con Centro Famiglie del Comune, un corso gratuito di accompagnamento al parto per le donne cinesi.

Cinque incontri, voltisi nei locali del Centro Famiglie del Comune di Forlì, ha dato esito molto positivo, coinvolgendo 16 donne, tre delle quali accompagnate dai rispettivi mariti. Tutte le partecipanti, nei questionari di valutazione compilati a fine corso, si sono dette soddisfatte delle nozioni ricevute, giudicate, pressochè all’unanimità, utili ed esaurienti, e hanno dichiarato di essersi sentite sostenute e supportate nell’affrontare la gravidanza lontano dal proprio paese, più tranquille rispetto alle proprie paure e conscie delle proprie risorse, nonché maggiormente preparate al nuovo ruolo di genitore e consapevoli delle opportunità offerte dal territorio; inoltre, hanno giudicato utile conoscere altre persone della stessa nazionalità con cui condividere quest’esperienza.

La maggior parte (11) era alla seconda (8) o terza (3) gravidanza, e, nei precedenti casi, aveva partorito in Cina, mentre 5 sarebbero divenute mamme per la prima volta. Tutti gli incontri hanno visto la presenza di due mediatrici interculturali, il cui contributo è stato fondamentale visto che solo una donna capiva e parlava correttamente l’italiano. Quanto all’età delle partecipanti, si aggirava fra i venti e i quarant’anni, con una permanenza in Italia variabile dai 4 mesi ai 10 anni. Quasi tutte avevano un’occupazione, ma talvolta le condizioni di lavoro le obbligavano a lavorare sino ad un periodo avanzato della gravidanza.

La comunità cinese è la terza più numerosa tra quelle straniere presenti sul territorio forlivese, e col suo 12 per cento, viee dopo la comunità romena e quella albanese.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.