4 febbraio 2013 - Forlì, Cultura, Brevi, Arte, Società

Vittorio Sgarbi a Forlì per la mostra “Novecento”

Il critico: «Il titolo è fuoriviante, meglio “Dux: arte e fascismo”»

 

FORLÌ. Sembra proprio che il critico d'arte Vittorio Sgarbi non riesca a non stupire. Soprattutto per le sue visite a Forlì. Così come era avvenuto nel giugno 2012 per la visita alla personale dell'amico Ivo Gensini (vedi: http://www.forli24ore.it/news/forli/0023294-sgarbi-sorpresa-forli), Sgarbi si è presentato ieri a sorpresa alla mostra “Novecento” ai musei San Domenico.

Tra gli sguardi sorpresi dei presenti, che non si aspettavano assolutamente una visita del genere, Sgarbi è apparso molto soddisfatto della mostra. Ma, al contempo, ha criticato il titolo che il critico ritiene forse un po' troppo “timido”. A “Novecento”, Sgarbi avrebbe preferito “Dux: arte e fascismo”. Vittorio Sgarbi ha anche fatto proprie le parole dell'ex premier Silvio Berlusconi di pochi giorni fa quando, in occasione delle celebrazioni della Memoria, il Cavaliere aveva dichiarato che «il fascismo aveva fatto anche cose buone». Ovviamente, Vittorio Sgarbi si riferiva all'arte fascista.

Sgarbi si è presentato accompagnato dagli amici Sauro Moretti e Carlo Ravaioli.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.