21 gennaio 2013 - Forlì, Cesena, Cronaca, Politica, Società

Spending Rewiev e tagli al bilancio le Province in “stato vegetativo”

Il ricorso al Tar è un regalo di Ravenna che costerà 9 mila euro

FORLI' / CESENA - Considerata la situazione economica delle Province, “con il taglio per l'esercizio del 2012 di ulteriori 500 milioni di euro di trasferimenti; taglio che passa a 1.200 milioni di euro a decorrere dall'esercizio 2013; valutato che per la nostra amministrazione provinciale il taglio sarà pari 1,8 milioni di euro per quest’anno, per giungere a circa 4 milioni il prossimo e che a questo punto diventa persino ridicolo continuare a parlare di razionalizzazione”, il capogruppo del PdL Stefano Gagliardi chiede di sapere “a che punto sono i contatti e su cosa vertono le proposte discusse con le rappresentanze istituzionali di Rimini e Ravenna (sedi degli organi istituzionali, del Tribunale, e così via e quali voci di spesa verranno tagliate per rispettare il mancato introito di 1,8 milioni di euro”. Il riferimento è anche alla recente scelta della Provincia di Ravenna di impugnare al Tar i criteri di riparto dei tagli, “che mostra come, anche se si parla di Provincia Unica, poi si va in ordine sparso”.

Risponde l’assessore all’Amministrazione e controllo Maurizio Brunelli: “Il processo di riordino delle Province è stato sospeso. La legge di stabilità ha chiarito che tutti i termini sono rinviati al 31 dicembre 2013. Restiamo in una situazione di stand-by. Con le altre due province romagnole avevamo proposto di organizzare tavoli di confronto per analizzare le situazioni di partenza e avere quindi elementi concreti di discussione, anche in questo caso i tempi si sono allungati. Per quanto riguarda i tagli previsti dalla Spending Review confermo il taglio dei trasferimenti di 1,8 milioni nel 2012 che diventeranno 4,3 milioni nel 2013. Il riparto è stato indicato dalla stessa Spending Review nel criterio dei ‘consumi intermedi’ che per la nostra Provincia è un criterio positivo, per altri è stato invece più negativamente incisivo. E’ criticabile quindi l’iniziativa, anche se se ne possono intuire le motivazioni, della Provincia di Ravenna. Ciò che in particolare ha suscitato le nostre perplessità è stata la scelta di non interloquire e neppure comunicare questa decisione alla Provincia di Forlì-Cesena. Questo ricorso al Tar ci vede come controinteressati nel giudizio, analogamente a quanto accade per la Provincia di Bologna nei confronti della Provincia di Genova. Il problema è inoltre è che il ricorso riguarda il bilancio 2012, che noi invece consideriamo già chiuso. La costituzione in giudizio al Tar ci costerà circa novemila euro. E’ questo il “regalo” che ci ha fatto Ravenna”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.