24 dicembre 2012 - Forlì, Cronaca

Ancora una terribile storia di violenza "all'ombra del campanile"

Da 15anni era costretta a subire le violenze da parte del marito

FORLI' - E’ stata picchiata, violentata e costretta a  prostituirsi dal marito. Un’altra terribile storia è emersa nel forlivese proprio in questi giorni. Ci sono voluti anni ma la donna, una 38enne di origine albanese, è riuscita ad uscire da questo incubo e il marito è stato raggiunto da un nuovo ordine di custodia cautelare in carcere. Le indagini sono durate solo 30 giorni e il lavoro fatto dagli uomini della Squadra Mobile è stato approfondito ed intenso. Il quadro della vicenda è complesso quanto inquietante. Il marito, un 44enne residente in prossimità del centro storico di Forlì, faceva spesso uso di alcolici ed altrettanto spesso alimentava il suo vizio del gioco, tanto da aver costretto la moglie, da cui aveva avuto anche due figli, a prostituirsi. Questi fatti risalgono in particolare al periodo compreso tra il 1196 e il 1997, ma la situazione è solo peggiorata; da allora infatti si sono susseguiti numerosi maltrattamenti e la moglie è stata oggetto di soprusi, violenze e percosse, tanto da dover ricorrere alle cure mediche in ben 4 occasioni.  Per motivare le ferite e le lesioni la 38enne ha sempre addotto banali scuse, come piccoli infortuni e incidenti domestici. Poi non ce l’ha più fatta e all’ennesima lite furibonda ha chiamato gli uomini del 113 raccontando tutta la sua storia; da lì hanno preso avvio le indagini fino che hanno portato all’arresto del 44enne accusato di maltrattamenti in famiglia, violenza sessuale e induzione e sfruttamento della prostituzione. La donna è stata condotta in una struttura protetta dove ora è ospitata insieme ai due figli, mentre per l’uomo i due più pesanti capi d’accusa, quello di induzione e sfruttamento della prostituzione, sono caduti in prescrizione.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.