20 dicembre 2012 - Forlì, Economia & Lavoro, Società

Motorizzazione, intervento della CNA: "garantire il servizio sul territorio è prioritario"

Daniele Mazzoni: perché non privatizzare alcuni servizi?

FORLI’ -  La diatriba in corso sulla volontà di accorpamento degli uffici della Motorizzazione Civile di Forlì e di Cesena sull'onda della necessaria razionalizzazione della spesa pubblica sta di fatto preoccupando le imprese che quotidianamente si relazionano con l'ente, primariamente quelle dell'autotrasporto e dell'autoriparazione. “La soluzione prospettata di trasferimento di un ufficio comprensoriale – sottolinea Daniele Mazzoni, responsabile CNA Servizi alla Comunità – sia che si tratti di quello di Cesena, sia che si tratti di quello di Forlì, rischia di creare notevoli disagi e disservizi tra gli utenti. La questione logistica, in particolare, rischia di appesantire tempi e costi a tutti coloro che dovranno recarsi all'unico ufficio incaricato quale che sia quello individuato. Basti pensare all’attività legata alle revisioni annuali, in particolare quella dei mezzi pesanti: un autotrasportatore che affida il proprio mezzo ad un officina vedrebbe aumentare i costi sulle spese sostenute dall'officina per il tempo dedicato a recarsi, presso l’una o l’altra struttura rimasta, per effettuare le operazioni del caso. Ipotizziamo poi che il mezzo sia anche di tipo eccezionale: ne consegue che necessita di scorte tecniche, per transitare da un posto all'altro, con l'accrescimento di problemi logistici e di sicurezza che farebbero lievitare i costi dell'adempimento”.

Anche i singoli privati cittadini che dovranno fare esami delle patenti o l'immatricolazione di un veicolo, sarebbero costretti ad una trasferta da Cesena a  Forlì, o viceversa, con tutte le complicazioni del caso. CNA Forlì-Cesena ritiene che a fronte di una sicura e necessaria rivisitazione dei tagli alla funzione pubblica, si rende necessaria una attenta verifica dei vantaggi e svantaggi di una scelta sull'altra in un servizio come questo che deve mantenere un servizio qualitativamente elevato alla collettività soprattutto in termini di prevenzione e sicurezza, nel senso di un vero risparmio senza aggravare di costi aggiuntivi gli utenti. E allora quale potrebbe essere la soluzione? “Alcuni servizi potrebbero essere privatizzati – suggerisce Mazzoni – le revisioni delle auto già oggi sono affidate a officine qualificate. Lo stesso si potrebbe fare anche per i veicoli commerciali/industriali come avviene in altri paesi europei. Lo stesso ragionamento si potrebbe fare per altre tipologie di pratiche potenziando maggiormente gli strumenti informatici che, come dimostrato, accorciano tempi distanze e costi”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.