15 dicembre 2012 - Forlì, Cronaca, Società

Forlì pronta al test del bilancio di previsione

I sindacati invocano “equità e omogeneità nell’utilizzo delle risorse pubbliche”

FORLI’ - I sindacati siedono al tavolo dell’amministrazione comunale e si preparano a confrontarsi sul bilancio di previsione 2013. Diversi i punti fermi che CGIL, CISL e UIL vogliono discutere e tra questi spicca il mantenimento del welfare, sia per qualità che per quantità, la riduzione delle aliquote IMU a partire dalla 1^ casa il rilancio dell’economia, prevedendo incentivi rivolti alle aziende per sostenere una buona occupazione e il mantenimento del fondo per l’emergenza sociale. I Sindacati sono tutti concordi sul fatto che le politiche di assistenza, come la tariffa sociale per l’acqua, il  gas, i rifiuti e il sostegno al reddito per chi perde il lavoro o è in cassa integrazione siano condizioni necessarie e imprescindibili a cui non si può assolutamente rinunciare, come del resto risulta fondamentale incentivare la lotta all’evasione. “Ci auguriamo – spiegano con una nota congiunta i sindacati -  che queste richieste trovino risposte positive, che segnino una forte discontinuità rispetto al Bilancio 2012 che ha visto la netta contrarietà di CGIL, CISL, UIL di Forlì sia per quanto riguarda le aliquote IMU applicate, sia per il metodo con cui è stato gestito il fondo sociale che si è contraddistinto per la negazione della concertazione”.

“La concertazione rappresenta lo strumento di inclusione e condivisione di tutti i soggetti che hanno rappresentanza sociale; solo accompagnando questo percorso con chi svolge un ruolo attivo di risposta, come la Caritas, si può pensare di dare risposte basate su omogeneità, progressività, equità”, si chiude la nota di CGIL CISL e UIL

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.