4 dicembre 2012 - Forlì, Cronaca, Economia & Lavoro

CTE, sciopero ad oltranza e presidio della fabbrica

I lavoratori si oppongono al trasferimento del personale a Rovereto o Verona

BERTINORO - Dopo che nella giornata di venerdì scorso le trattative sulla crisi del Gruppo CTE ,che ha dichiarato la volontà di arrivare alla chiusura dello stabilimento di Bertinoro (ex Bizzocchi), si sono interrotte a fronte di una proposta ritenuta offensiva dalle Organizzazioni Sindacali e dall’assemblea dei lavoratori, oggi è giunta la comunicazione da parte della CTE del trasferimento a decorrere dal 1 gennaio 2013 di tutto il personale attualmente occupato a Bertinoro nelle sedi di Rovereto (TN) e Rivoli Veronese (VR).

 

“Tale comunicazione di trasferimento appare come una ritorsione – spiegano Fiom, Uilm e Fim - perché in questo modo un’azienda che punta a chiudere lo stabilimento di Bertinoro con il conseguente licenziamento della quasi totalità del personale avrebbe la possibilità di licenziare per assenza ingiustificata i lavoratori che non si presentassero nelle nuove sedi a 300 km dal territorio”.

 

Immediata è stata la risposta dei lavoratori della CTE di Bertinoro che hanno proclamato, insieme alla RSU aziendale e a FIM FIOM UILM di Forlì, lo sciopero ad oltranza con il presidio dell’azienda, al fine di impedire il trasferimento di macchinari ed automezzi, e per ottenere in una trattativa vera le risposte attese dai lavoratori.

 

I lavoratori fanno appello alle Istituzioni, alle organizzazioni della società civile, ai movimenti e ai partiti perché intervengano contro una scelta intollerabile socialmente e perché sia fatto tutto il possibile per difendere il patrimonio industriale del territorio.

 

E’ convocata domani alle ore 12.00 una conferenza stampa presso lo stabilimento CTE di Bertinoro per informare della situazione anche alla luce di eventuali novità ed evoluzioni.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.