20 novembre 2012 - Forlì, Economia & Lavoro, Brevi, Società

Santa Sofia, sciopero all'Acis

Fiom, Fim e Uilm: «L'azienda dia risposte chiare»

 

SANTA SOFIA. Quattro ore di sciopero. È quanto hanno deciso le rappresentanze sindacali di Fiom-Cgil, Fim-Cisl e Uilm del gruppo Acis di Santa Sofia, a fronte dello stato di incertezza che perdura da alcune settimane e a cui l'azienda non sta fornendo, a detta dei tre sindacati, alcuna risposta.

È stata l'assemblea di questa mattina delle lavoratrici e dei lavoratori del Acis di Santa Sofia, che occupa oltre duecento lavoratori nelle tre aziende Acis, Ciss e Vis Serramenti. Due ore di sciopero sono già state messe in pratica questa mattina con l'uscita anticipata dei lavoratori riunitisi stamattina davanti ai cancelli. Le altre due saranno espletate nel pomeriggio di giovedì 22 novembre alle ore 14.

«Ad un significativo ritardo nel pagamento delle retribuzioni» si legge in un comunicato congiunto «si somma la mancata attuazione di tutte le condizioni previste nell’accordo del 16 luglio 2012 che predeterminavano la continuità dell’attività aziendale anche attraverso sacrifici economici da parte dei lavoratori e una limitata riduzione del personale, oltre all’utilizzo della cassa integrazione straordinaria sia in Acis che in Ciss».

Le tre sigle sindacali ritengono, dunque, un fatto molto grave che nelle ultime settimane gli incontri sindacali fissati siano stati fatti ripetutamente saltare da parte della Direzione aziendale e che ai lavoratori non sia stata data alcuna informazione sul futuro dell’azienda, dei posti di lavoro e delle retribuzioni. 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.