25 ottobre 2012 - Forlì, Cronaca, Economia & Lavoro, Società

Principio d'incendio all'Electrolux, la Fiom Insorge

FORLI’ - Questa mattina, dopo che già nella giornata di ieri a seguito di lavori svolti nella zona dismessa dello stabilimento Electrolux di Forlì, anche con la presenza di macchine scavatrici, si erano verificate diffusioni di fumi anche in altre zone della fabbrica con evidenti disagi per le lavoratrici ed i lavoratori, si è verificato un principio di incendio nella zona “ex smalteria” dell’area dismessa dello stabilimento.

A seguito della diffusione in gran parte della fabbrica dei fumi generati da tale principio di incendio i lavoratori hanno spontaneamente evacuato lo stabilimento restando per un paio d’ore fuori dalla fabbrica, mentre sul posto intervenivano i vigili del fuoco.

 

La RSU Electrolux ha richiesto un intervento immediato alla Medicina del Lavoro per accertare se fossero state commesse delle irregolarità, dal momento che i lavoratori della fabbrica sono stati esposti ai fumi (di natura ignota) della combustione, a polveri e rumore dovuti ai lavori svolti nell’area dismessa della fabbrica.

"Visto che non siamo di fronte al primo episodio di questa natura, e che già in altre occasioni (non ultimo il 5 ottobre scorso) ai delegati sindacali e ai rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza (RLS) la Direzione dello stabilimento aveva risposto che spostare nei giorni non lavorativi della settimana le attività effettuate nell’area dismessa “costa troppo” - spiega il segretario della Fiom Michele Bulgarelli - ricordiamo all’Electrolux che la salute e la sicurezza delle persone sono un “bene pubblico” che viene prima di qualsiasi calcolo ed interesse economico".

"Riteniamo - conclude Bulgarelli - gravissimo che l’azienda, come sembra, abbia registrato i nominativi dei lavoratori che, in attesa di conoscere le reali condizioni ambientali dentro lo stabilimento, e avvalendosi del diritto a non esporsi a rischi per la propria salute come previsto dagli articoli 18 (comma m) e 20 (comma e) del decreto 81/2008, non sono rientrati immediatamente in produzione.

Valuteremo insieme alle lavoratrici e ai lavoratori e ai delegati sindacali tutte le iniziative da mettere in atto a tutela delle condizioni di salute e di sicurezza in fabbrica".

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.