27 settembre 2012 - Forlì, Cesena, Cronaca, Economia & Lavoro, Società

Start Romagna, i lavoratori di Forlì Cesena subiscono il peggior trattamento

I sindacati denunciano malagestione e sprechi nella holding dei trasporti

FORLI' / CESENA - Le organizzazioni sindacali criticano profondamente la direzione di Start Romagna per quello che viene definito dalle stesse sigle come un atteggiamento “lesivo della dignità stessa degli occupati e di chi li rappresenta”.

Dopo aver avviato uno stato di agitazione, dopo un incontro con l’Azienda, dopo il “passaggio” davanti il Prefetto di Forlì-Cesena, i sindacati lamentano un assoluto immobilismo “in particolare il mancato rispetto di norme contrattuali e accordi vigenti”.

“Non è più accettabile una organizzazione aziendale imperativa, unilaterale e non rispettosa delle regole”, spiegano ancora le organizzazioni sindacali all’unisono.

I sindacati inoltre denunciano lo spreco di denaro pubblico con scelte poco pratiche nella gestione dei turni e nei trasferimenti di uomini e mezzi, con corse di autobus che non effettuano alcuna fermata o caricano alcun passeggero per circa 20 mila chilometri. Questo inciderebbe “sul costo complessivo e sul disagio stesso dell’autista”, commentano le organizzazioni.

Altro aspetto da tenere in considerazione secondo i sindacati è la differenza di trattamento fra i lavoratori dei tre bacini che Start Romagna serve: Forlì Cesena, Ravenna e Rimini.

Nella provincia bicefala, non è presente la mensa, “siamo in mancanza di servizi igienici nei Punti Bus e il costo medio annuo procapite è inferiore di € 5.000 rispetto ai colleghi di Ravenna mentre invece la produttività media annua è di Km. 4.000 prodotti superiore per lavoratore rispetto allo stesso bacino”, dichiarano unitariamente i Cgil, Cisl e Uil che se la prendono con la dirigenza ma anche con l’amministrazione: “Registriamo una assenza “rumorosa” delle Istituzioni che evidentemente si preoccupano di  contrastare scelte della Direzione di START in merito al Bando per l’apertura a privati, con discutibili prese di posizione, quando sono i primi ad aver lasciato al loro destino Aziende a partecipazione pubblica gestite senza un’ “anima” e senza precisi obiettivi”.

La vertenza continua e i lavoratori e le lavoratrici dell’Holding di trasporti, non intendono subire oltre. L’atteggiamento sopra descritto ha portato l’assemblea dei lavoratori a dichiarare l’esigenza di promuovere “iniziative dure e decise contro questo Gruppo Dirigente”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.