11 agosto 2012 - Forlì, Cesena, Cronaca, Politica, Società

Crack Sapro: Angeli (PLI) appoggia Balzani e rilancia la questione a Lucchi

Il PD appare diviso sulla scelta di costituirsi parte civile sul caso della società partecipata

Sapro, anche per il PLI è un dovere costituirsi parte Civile: se ieri Tiziano Alessandrini, consigliere regionale del PD si interrogava sulla correttezza dell’azione, Italia dei Valori, sempre ieri e PLI, oggi, ritengono sia tratti gesto doveroso e più che legittimo.

“Troviamo incomprensibili le polemiche sulla scelta del sindaco di Forlì Roberto Balzani di costituire il proprio comune come parte civile in un eventuale processo sul Crack di Sapro”, spiega Stefano Angeli, segretario regionale del partito che sottolinea come i danni provocati dal fallimento della società partecipata abbia messo in ginocchio il sistema e abbia avuto pesanti ripercussioni sul tessuto economico del territorio. “La vicenda della società pubblica fallita è nota, come noti sono i danni, anche se difficilmente calcolabili, che questo fallimento ha prodotto sia alle casse dei comuni soci, sia al tessuto produttivo ed al mercato immobiliare locale”.

Angeli non sponsorizza una caccia alle streghe e  ritiene infatti che la verità dei fatti dovrà essere accertata e fatta emergere dalla magistratura, tuttavia anche la politica deve spargersi la cenere sul capo e assumersi le proprie responsabilità. “Non siamo certo noi a dover indicare i responsabili, spetta alla magistratura indicare le responsabilità personali – conferma il segretario regionale dei liberali - ma le responsabilità politiche di chi aveva il compito di controllare e non lo ha fatto sono già oggi più che evidenti ed i rappresentanti dei partiti che hanno amministrato i nostri Comuni nell'ultimo decennio dovrebbero ammettere tali responsabilità e contribuire a fare chiarezza”.

Se a Forlì discussione e dibattito politico sono ben avviati e  la lotta è a scena aperta, a Cesena invece si latita e Angeli si chiede che fine abbia fatto Lucchi: “Per questo riteniamo una scelta di chiarezza quella del sindaco Balzani e ci meraviglia piuttosto il silenzio da parte del sindaco di Cesena Paolo Lucchi, dal quale ci aspettiamo una iniziativa analoga, a tutela degli interessi dei cittadini e dell'ente pubblico, sicuramente danneggiato da una gestione quantomeno inadeguata della società”. Ieri l’Italia dei Valori lanciava un appello chiaro alle amministrazioni coinvolte, quello di accodarsi all’esempio di Forlì, oggi il PLI, invita Lucchi a prendere posizione; ieri Alessandrini mostrava perplessità sul gesto “cinico” da parte del Comune di costituirsi parte civile, mentre Balzani con risolutezza rivendicava la sua decisione: Il crack Sapro, porterà anche ad una nuova profonda frattura all’interno del PD?

 

Enrico Samorì

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.