Incentivi fonti rinnovabili elettriche, ci sono ancora dei dubbi

Paolo Francia Presidente CNA Installazione e Impianti spiega le criticità per il futuro del settore

Sono stati approvati dai Ministri dello Sviluppo economico, dell'Ambiente e dell'Agricoltura, i due decreti ministeriali che definiscono i nuovi incentivi per il fotovoltaico (cd. quinto Conto energia) e per le fonti rinnovabili elettriche non fotovoltaiche (idroelettrico, geotermico, eolico, biomasse, biogas). I provvedimenti sono stati pubblicati nella Gazzetta ufficiale n. 159 del 10-7-2012.

I due provvedimenti – ha dichiarato Paolo Francia, Presidente Provinciale di CNA Installazione e Impianti - ed in particolare quello sul fotovoltaico, presentano notevoli criticità per lo sviluppo del settore, soprattutto perché introducono tetti massimi di spesa, procedure burocratiche e meccanismi di prenotazione degli incentivi che penalizzano anche i piccoli impianti”. Nonostante i pareri nettamente negativi delle Associazioni di Categoria e delle Regioni, i Ministeri hanno apportato soltanto alcune piccole modifiche ai decreti rispetto ai testi in circolazione in questi mesi: “Le modifiche introdotte – ha proseguito Franciasono soltanto uno specchietto per le allodole e non risolvono di una virgola il problema, già presentatosi con il terzo e con il quarto conto energia, relativo alla certezza della durata degli incentivi”.

Il V conto energia entrerà in vigore 45 giorni dopo il raggiungimento di un costo indicativo cumulato annuo degli incentivi di 6 miliardi di €. Tale valore è stato superato il 12 luglio scorso (dato GSE), pertanto a fine agosto, il 27  per l'esattezza  il V conto energia sarà in vigore. Inoltre, raggiunto un costo indicativo cumulato annuo di 6,7 miliardi di € il decreto cesserà di applicarsi. Quindi, il costo massimo degli incentivi del V conto energia è fissato a 700 ML€/anno.

Il decreto sulle altre Fonti Energetiche Rinnovabili (FER) invece si applicherà per gli impianti che entreranno in esercizio in data successiva al 31 dicembre 2012 (più un ulteriore periodo transitorio di 4 mesi, fino al 30 aprile 2013) e prevede un tetto massimo dato dal raggiungimento di un costo indicativo cumulato di 5,8 miliardi di €/anno.

I due provvedimenti pertanto da un lato lasciano aperto un periodo, seppur molto breve, in cui poter continuare ad accedere ai precedenti incentivi; dall’altro, prevedendo dei limiti alla spesa che determineranno un termine non prevedibile con chiarezza circa la vigenza degli incentivi, non danno agli operatori del settore le certezze necessarie per poter programmare gli investimenti: “Dato il tempo limitato della durata degli incentivi, l'incertezza che permane per il futuro  e non ultimo la burocrazia – ha concluso Franciarischiano di spegnere  le buone intenzioni anche dei più convinti ecologisti, è necessario che il Ministero apra con la massima celerità un confronto con le associazioni di rappresentanza per valutare la strategia di incentivazione post-decreti. Diversamente, si rischia di dare il colpo di grazia ad uno dei pochi  settore che ha garantito negli ultimi tempi occupazione e lavoro sia per chi installa sia per chi produce, senza dimenticare il contributo in termini di ambientali”.

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.