20 luglio 2012 - Forlì, Agenda, Cronaca, Cultura, Eventi, Società

La Romagna nei modi di dire dimenticati di Mario Maiolani e del surf estatico di Roberto Mercadini

Doppio appuntamento con "autori al parco"

Il ciclo di presentazioni alla Libreria al Parco Urbano in collaborazione con Giancarlo Giunchi, Marco Viroli e Gabriele Zelli arriva ad un doppio appuntamento nel giro di 24 ore. il primo evento è Martedì 24 luglio 2012, ore 21.00 con Gabriele Zelli che presenterà "La Romagna nei modi di dire dimenticatidi Mario Maiolani"

Mario Maiolani ci regala una raccolta – di particolare divertimento e di intrigante intelligenza – di modi di dire della cultura popolare romagnola, dandone la versione in lingua e in dialetto e spiegandone origini e significati: un’occasione preziosa per ripercorrere molte delle caratteristiche dell’ethos della Romagna e per recuperare i detti, le massime, i moti proverbiali nei quali i nostri padri hanno fissato i valori e i principi del vivere. Il lettore scoprirà, spesso con meraviglia, quanto dei saperi, degli ideali, della visione del mondo si raccolga in questi detti dimenticati e in un vero e proprio viaggio di conoscenza riprenderà contatto con la nostra cultura popolare, traendone non solo un puro divertimento – per quanto di commedia, di ironia, di saggezza secolare in essi si raccoglie – ma anche, e proprio per questo, una lezione di vita.

 

Mario Maiolani è nato a Forlì nel settembre del 1933. Dopo il diploma di geometra ha operato come imprenditore edile e poi nella Cooperativa Edile Forlivese, divenuta in seguito Edilcoop Forlì.

Con «Il Ponte Vecchio» ha pubblicato nel 2007 il libro di memorie Ragazzo povero o povero vecchio?

 

Il secondo appuntamento nel giro proprio di 24 ore è previsto per mercoledì 25 luglio 2012, ore 21.00, sempre alla libreria del parco Franco Agosto

 

Roberto Mercadini presenta la sua ultima raccolta poetica: Madrigali per surfisti estatici

 

A che cosa si può paragonare l'esperienza dell'ascolto di poesia se si dice che un romanzo conduce il lettore in un "viaggio per mare"?

Secondo Roberto Mercadini al surf.

"Io mi definisco 'poeta parlante'. Ho sempre detto (e ho sempre pensato) che la poesia non è il testo scritto, così come la musica non è lo spartito.

Ho detto (e pensato) che la musica è quella cosa che i musicisti 'fanno', mentre lo spartito è solo una guida (parziale) al fare; e che un discorso analogo vale anche per la poesia.

Uno che dice (e pensa) queste cose, se poi pubblica un libro di poesie, deve delle spiegazioni a qualcuno. Ha domande a cui rispondere.

'Perché pubblicare un libro di poesie?'

Per esempio.

E perché, poi, dividerlo in due parti? Perché quel titolo?

Cosa c'entrano i madrigali in tutto ciò? E il surf con la poesia?

Perciò presento il mio libro e provo a rispondere ad alcune domande.

Alle domande che vengono in mente a me immaginando di vedermi da fuori, cioè di essere qualcun altro.

Le altre domande fatemele voi; che 'qualcun altro', bene o male, lo siete davvero." 

 

Roberto Mercadiniha firmato due raccolte di poesie, Buriane (2005) e Imita il rettile, l'anoressico, la pietra (2008), pubblicate sul web e da piccoli editori (Fara Editore, Tosca). È autore e interprete di vari spettacoli teatrali, fra cui Spettacolo di Gioia e di Irrequietezza, Gronderò oro mi farò tempesta, È vera carne, Fuoco nero su fuoco bianco, Melangolo, Darwiniana, L'ULTIMA NOTTE. Narrazione sulla strage dei Bretoni nel 1377.

Come attore ha lavorato in 3 passi con Cechov, adattamento in dialetto romagnolo del poeta Walter Galli per la regia di Corrado Bertoni, Herr Warum - la musica di Godel e Nietzsche tra Wagner e Verdiprodotti dal Teatro Bonci di Cesena nel 2008.

È uscito nel 2010 l'audio libro Melangolo, registrato da Mercadini con il gruppo Formazione Minima.
 

 

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.