15 luglio 2012 - Forlì, Cronaca, Società, Sport

"Il gran premio del Mugello e la perfezione del numero 3"

Dovizioso mirava al podio e lo ottiene, ma non senza fatica

Terzo podio, terzo posto, terza volta consecutiva: tre è il numero perfetto e oggi è di sicuro il numero preferito di Andrea Dovizioso che al Mugello corre, ci mette il cuore, soffre e ci prova buttandosi dietro le spalle il “rookie” Bradl che gli fa vedere i “sorci verdi” a metà gara. Il forlivese parte 7° dietro a Pedrosa, Lorenzo, Barbera, Hayden, Stoner, Crutchlow, ma si fa immediatamente vedere con un bello sprint. Il corridoio lo segue anche Bradl che lo punta fin dal principio e lo passa proprio a metà corsa dopo una interessante progressione e una pressione crescente su Dovizioso. La paura di sbagliare è proprio quella che fa commettere al forlivese un errore che sarebbe potuto costare caro: Bradl era negli scarichi del Dovi ma ancora non aveva provato un affondo, mentre Andrea aveva già assunto un assetto difensivo, che in realtà lo ha indotto a mostrare il fianco.

Bradl non se lo fa dire due volte e lo svernicia dopo un largo cercando di lasciarlo sul posto. L’orgoglio e la moto di Andrea non ci stanno e così a 5 giri dalla fine Andrea va a riprendersi il posto che gli spetta mentre un Hayden indiavolato si butta dentro a cannone innescando un combattimento che agevola  il forlivese. L’attacco del ducatista, alla disperata, innesca una bagarre che porta Rossi ad accendere il turbo e a piazzarsi al 5° posto e a Crutchlow di guadagnare il 6°. Hayden dopo una gara quasi da incorniciare, deve accontentarsi di un immeritata 7^ posizione.

“Sinceramente ci credevo e c’ho provato – commenta Dovizioso, comunque entusiasta per il risultato ottenuto - ma Lorenzo ne aveva di più. Peccato perché per qualche momento ho pensato di potercela fare, ci credevo  ma era impossibile. Per il podio sono contentissimo, soprattutto per il mio team”.  Dovizioso ora è 4° in classifica (108 punti) a 40 punti da uno Stoner (148 punti) che fa un lungo e riprende la corsa dalla decima posizione, fuori dai giochi. Lorenzo rimane in testa al mondiale con 185 punti, davanti a Pedrosa  (in seconda posizione con 166 punt) e all’australiano Stoner protagonista oggi anche su un entrata un po' troppo vigorosa su Bautista.

Prossimo appuntamento tra 15 giorni a Laguna Seca (USA)

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.