22 giugno 2012 - Forlì, Cesena, Cronaca, Società

Trasporto pubblico: "serve un piano industriale innovativo per Start"

La nota di Cgil, Cisl e Uil

Le segreterie confederali regionali e territoriali di Cgil, Cisl e Uil e i sindacati di categoria Filt, Fit e Uiltrasporti giudicano "una vera delusione" l’esito dell’incontro sul sistema del trasporto pubblico locale con i sindaci dei Comuni di Cesena, Forlì, Ravenna e Rimini e i presidenti delle Province romagnole.
Il vertice era stato richiesto dai sindacati che, "da tempo - si legge nella nota - cercano di far capire agli enti locali proprietari che la costituzione di Start, non è da sola sufficiente a rilanciare e qualificare il lavoro e il servizio ai cittadini; ma c’è bisogno di un piano di regolazione della mobilità e del traffico delle città e tra le città che favorisca la circolazione degli autobus e definisca un riordino delle linee urbane ed extraurbane realmente utili per i cittadini.
La grave  crisi economica e i tagli ai finanziamenti pubblici per i trasporti rendono molto chiaro che le relazioni sindacali aziendali da sole non sono sufficienti, senza una pianificazione innovativa della mobilità territoriale che spetta agli enti locali e non al gestore.
Vogliamo convincere gli amministratori pubblici – sottolineano i sindacati - che per dare un futuro solido all’azienda bisogna aumentare gli utenti e quindi la vendita di biglietti e abbonamenti. Vogliamo dire con forza che non possiamo accettare un piano industriale di Start che preveda solo sacrifici e tagli a danno dei lavoratori. Serve una concertazione per individuare  le scelte migliori e necessarie al rilancio del trasporto pubblico”.

 

I sindacati si rammaricano del fatto che all’incontro sia stato presente, in rappresentanza di tutte le amministrazioni, solo l’assessore provinciale ai trasporti di Forlì-Cesena Maurizio Castagnoli. "Riteniamo questo modo di comportarsi inaccettabile - dicono i sindacati - e indice di un’assoluta mancanza di rispetto verso i lavoratori e il sindacato.
I sindacati erano invece al completo, in rappresentanza di tutti i territori romagnoli, e hanno esposto gli argomenti sui quali vogliono avviare un confronto con gli amministrori e stimolare una forte integrazione con le agenzie della mobilità e il gestore.

In particolare i sindacati ritengono indispensabile intervenire su: "le scelte per migliorare l’offerta di trasporto pubblico per i percorsi casa lavoro/ casa scuola; l’integrazione modale ferrovia/trasporto su gomma; parcheggi urbani, scambiatori; l’organizzazione del traffico nelle città e la gestione della sosta; il livello di  finanziamento del servizio da parte dei Comuni e le loro intenzioni per l’aggregazione delle agenzie (i sindacati auspicano la costituzione di un'unica agenzia di bacino); la riduzione dei costi delle agenzie per trasferire le risorse alla gestione; le scelte per favorire la mobilità per le categorie di utenti deboli; il finanziamento per il rinnovamento del parco autobus; le modalità di gestione  delle bigliettazioni senza ricorrere ad esternalizzazioni.

 

Occorre – concludono i sindacati – definire chiaramente il rapporto tra Start e le aziende private che intervengono sul Tpl (Traporto pubblico locale) nel bacino romagnolo per operare tutte quelle sinergie necessarie a mantenere alta la qualità, adeguato il servizio oggi offerto e garantiti i livelli occupazionali, anche prevedendo un futuro eventuale loro ingresso in Start. Purtroppo poco e nulla ci è dato sapere finora di tutti questi argomenti. Denunciamo il grave clima di incertezza determinatosi, dovuto alla mancanza di indirizzi da parte  dei sindaci e dei presidenti di provincia che rende impossibile a Start, definire un piano industriale innovativo che possa puntare ad un vero rilancio e sviluppo”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.