12 aprile 2012 - Forlì, Cronaca, Politica, Società

La consigliera Roberta Mori incontra le donne della lista Insieme in Comune

Incontro al Bar Sport di Castrocaro, che rilancia le "quote rosa" nell'amministrazione

Alessandra Zecchini e Patrizia Campacci sono le due donne della lista civica “Insieme in Comune”. La prima è, probabilmente, la più giovane candidata alle elezioni che l’Italia ricordi: compirà diciotto anni proprio il 6 maggio. L’altra, Patrizia Campacci, è una militante storica, nonché attuale coordinatrice delle attività del Partito Democratico. Oramai lanciate nella corsa elettorale, hanno ricevuto ieri sera il plauso e la benedizione della consigliera regionale del partito democratico Roberta Mori, che presiede la commissione assembleare per la parità.
«In un momento sociale, economico e politico come quello che stiamo vivendo» ha affermato la consigliera Roberta Mori «diventa strategico per il territorio avere un buon livello di protagonismo politico da parte dei cittadini. Ma più ancora, è necessario sviluppare un protagonismo al femminile, così da mettere il ruolo della donna al centro». Pioniera delle politiche di genere, Roberta Mori ha tuttavia dovuto ammettere che «in Italia, la lotta per la parificazione deve ancora svilupparsi molto» riconoscendo tuttavia che «quella dell’Emilia Romagna è una storia a sé, fatta di grandi conquiste sociali, anche e soprattutto in materia di parità».
“Parità” è il termine che, nel linguaggio politico moderno, ha sostituito la dizione di “emancipazione”. «Ciò da cui oggi ci dobbiamo emancipare, oggi, è la crisi economica» ha continuato Roberta Mori «e per farlo abbiamo davanti a noi solo una strada: la democrazia». Da qui, un’esortazione alla cittadinanza per incominciare a partecipare attivamente alla vita politica del proprio comune, anche con piccole cose: «Cominciate a seguire tutti i vostri consigli comunali: sono una palestra di democrazia».
Sulla stessa lunghezza d’onda la giovane Alessandra Zecchini, che ha lanciato l’idea di una possibile futura coesione a Castrocaro tra adulti e ragazzi, così da mettere insieme le idee migliori degli uni e degli altri. «I giovani, e non solo, sono delusi dalla politica. Sarebbe questo un modo per dare loro la possibilità di recuperare fiducia».
Particolare la cornice scelta per l’iniziativa: il bar sport di Castrocaro. Luogo tipicamente maschile, il bar sport è stato forse scelto proprio per lanciare una sfida e una provocazione alle forze politiche del castrocarese, nelle cui liste la presenza “rosa” è assai scarsa: appena due donne nella lista del centro sinistra e solo una nella lista di centro destra.
 

                                                                                  (Michele Dori)

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.