9 aprile 2012 - Forlì, Cronaca, Società

Trecento cittadini insorgono: ripristinate via Cadore

Petizione presentata in Comune contro le modifiche attuate con l'apertura del nuovo svincolo tangenziale

Depositate in Comune 300 firme a sostegno della petizione popolare di modifica del riassetto stradale di via Cadore.

Le sottoscrizioni e la petizione sono state consegnate al sindaco Roberto Balzani, all’assessore al traffico Giancarlo Biserna e al presidente della Circoscrizione 1 Piero Fusconi.  “Chiediamo – si legge nel documento - la modifica del riassetto della Via Cadore all’altezza della nuova rotonda di svincolo della Tangenziale, con particolare riferimento all’isola spartitraffico sita fra via Cadore e via Monte San Michele, ed il ripristino della svolta immediata a sinistra”.

“Sappiamo – dichiara Daniela Valentini a nome dei 4 organizzatori della sottoscrizione – che a Forlì ci sono problemi più gravi del nostro, tuttavia, come cittadini già penalizzati dal fatto di abitare in una strada trafficata e pericolosa perché stretta, con auto parcheggiate ovunque e con una lunga serie di incidenti (e anche morti) nel passato, chiediamo un intervento urgente per risolvere questo ulteriore disagio”.

La via Cadore con direzione via Bengasi, è sempre stata utilizzata come valida alternativa alla parallela via Gorizia, notoriamente più trafficata e pericolosa. “Il nuovo assetto stradale – continua l’atto - obbligando quanti provengono da via Trentola a dirigersi su via Gorizia, senza poter accedere direttamente al nuovo ingresso tangenziale né proseguire sulla stessa via Cadore con direzione Pianta, ha di fatto leso l’elementare diritto di avvalersi di un servizio che DEVE essere fruibile dall’intera cittadinanza”.

La cosa che più brucia ai residenti è che, nonostante il continuo riferimento dei politici e governanti di turno al concetto di “democrazia partecipativa”, “nessuna azione è stata intrapresa per rendere partecipi di tale progetto i cittadini maggiormente coinvolti da questo cambiamento, per dare modo agli stessi di manifestare pubblicamente le loro perplessità ed eventuali osservazioni”. Alla fine, i 300 firmatari della petizione chiedono “con cortese urgenza” anche un incontro con il Sindaco, per illustrare le ragioni di questa scelta.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.