29 marzo 2012 - Forlì, Cronaca, Politica, Sanità, Società

L'associazione degli ex Consiglieri chiede attenzione per la sanità forlivese

Dall'incontro dibattito è emersa anche la necessità di proseguire nell'integrazione con Cesena

Nei giorni scorsi l'Associazione ex Consiglieri del Comune di Forlì  si è riunita per discutere della situazione sanitaria del territorio insieme a rappresentanti delle Istituzioni e delle organizzazioni sindacali e di categoria dei medici.

Secondo quanto emerso dal dibattito la grande “incompiuta” rimane l’integrazione tra Ausl di Forlì e Cesena, fatta la dovuta eccezione per il coordinamento del 118 e il laboratorio centralizzato di Pievesestina, considerati buoni esempi di pratiche da perseguire.

Nel corso dell’incontro è stata evidenziata anche la necessità di avere un minore avvicendamento a ricoprire l'incarico di Direttore generale, che risultano, dopo l’insediamento di Giulietta Capocasa, 5 in soli 10 anni. Da qui l’associazione ha invitato le istituzioni e la politica tutta a stabilire con chiarezza e precisione gli obiettivi di programmazione sanitaria.

"Non si capisce come nonostante diverse unità operative di controllo e revisione dei conti l'AUSL di Forlì si sia trovata con oltre 60 milioni di deficit" ha detto Giancarlo Aulizio, presidente dell'Ordine dei Medici di Forlì.
"Il vero problema - ha risposto il presidente della Conferenza territoriale sanitaria Paolo Zoffoli - era il deficit tendenziale annuo che si aggirava sui 27-28 milioni annui e che ha richiesto un rigido piano di rientro".
"Per quanto riguarda il Direttore generale - ha proseguito Zoffoli - la scelta per sostituire Petropulacos è stata quella di privilegiare la continuità nominando Giulietta Capocasa".

"Dobbiamo fare i conti - ha sottolineato il vice presidente della Provincia Guglielmo Russo - con il mantenimento della qualità dei servizi  che esiste e ci viene riconosciuta e la scarsità delle risorse a disposizione, situazione difficilmente migliorabile nel breve medio periodo".
L’associazione, in perfetto accordo con le associazioni sindacali e di categoria presenti, ha avanzato la proposta di organizzare una iniziativa per alzare l’attenzione sulla tutela della qualità dei servizi sanitari.

All’incontro erano presenti anche:
Franco Rusticali, 

Guglielmo Russo, Paolo Zoffoli, Andrea Pasini, Veronica Zanetti, Paola Casara, Marco di Maio, Marcello Galvani, Giancarlo Aulizio, Pasquale Maiolo, Marco Ragazzini, Michele Gaudio e Giovanna Righini.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.