Il prezzo del volo

Il piano nazionale vede Forlì e Rimini al bivio: o aeroporti di servizio o la chiusura

L’Italia ha troppi scali aeroportuali e gli esperti del settore sottolineano già da diversi anni che anche i voli e le rotte si sovrappongono.

In due anni abbondanti di lavoro si è elaborato un piano che potrebbe essere operativo a partire dal 2030 e che significherà il radicale cambiamento della situazione attuale.

Non più aeroporti ma scali classificati con rigore: strategici, primari e di servizio.

I principali aeroporti verranno divisi in tre Hub intercontinentali ossia: Fiumicino,Malpensa, Venezia

Saranno invece 13 gli scali considerati strategici: Bari, Bergamo Cagliari, Catania, Firenze Genova, Lamezia Terme, Linate, Capodichino Palermo, Pisa e Torino.

Otto saranno invece quelli classificati come primari: Verona, Treviso, Alghero, Brindisi, Ciampino, Olbia, Trapani, Trieste

Dal 2030 nel frattempo si annunciano i cambiamenti più sostanziali e che riguarderanno Ciampino, che sarà sostituito dal nuovo scalo di Viterbo e Grazzanise che cancellerà Capodichino.

Il traffico locale, secondo il piano aeroportuale nazionale sarebbe trasformato e tra i 18 scali “di servizio” comparirebbero anche Forlì e Rimini.

Con loro: Ancona, Taranto, Aosta, Reggio Calabria, Pantelleria, Cuneo, Lampedusa, Crotone, Brescia, Bolzano, Comiso, Salerno, Foggia, Parma e Perugina.

Gli scali ad oggi, ricordando che il piano iniziale poi riesaminato in tutto e per tutto prevedeva la loro chiusura, avranno tempo 3 anni per mettersi in regola con le “condizioni di sostenibilità economiche  che non prevedano il trasferimento di risorse da parte dell’amministrazione pubblica.

L’unica opzione quindi è quella di privatizzare e cambiare rotta. Nel frattempo dall’Unione Europea arriva la strenua difesa dei deputati che sostengono che gli “aeroporti regionali svolgano un ruolo fondamentale per la crescita e l’occupazione: l’Ue dovrebbe pienamente riconoscere tale ruolo evitando di concentrare i propri sforzi solo sui principali scali”. Questo un estratto di una risoluzione formulata dalla commissione Trasporti che nelle prossime settimane potrebbe finire sui banchi del parlamento per il via libera.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.