21 marzo 2012 - Forlì, Cronaca, Cultura, Società

Generazioni proiettate verso il futuro

Giovani scienziati crescono con l'esperienza dell'astronave Terra di Vincenzo Balzani

La sesta edizione de ‘Un Pozzo di Scienza’, il progetto del Gruppo Hera dedicato alla divulgazione dei temi scientifici ai ragazzi delle scuole superiori, questa mattina ha chiuso in bellezza la tappa forlivese con un relatore d’eccezione: il prof. Vincenzo Balzani, professore di Chimica all’Università di Bologna, che ha presentato a un centinaio di studenti del Liceo Classico G.B. Morgagni la sua relazione sull’astronave Terra.

Il prof. Balzani è partito dal presupposto che la Terra su cui ci troviamo è un'astronave del tutto speciale, che ha bisogno di energia per funzionare. Purtroppo, però, negli ultimi due secoli l’uomo ha utilizzato a piene mani l'energia fornita dai combustibili fossili, risorsa limitata e non rinnovabile, il cui uso causa gravi danni al clima della Terra e alla salute dell'uomo. E' quindi inevitabile una transizione dall’uso dei combustibili fossili a quello di altre fonti di energia. Una soluzione per rispettare i vincoli fisici del nostro pianeta può essere adottare  uno stile di vita più sobrio, basato sul risparmio energetico e sullo sviluppo delle energie rinnovabili.

Balzani ha proseguito la propria carrellata nella storia dell’uomo ricordando che dai primi osservatori che secoli fa cominciarono a scrutare il cielo l’uomo ha raggiunto risultati straordinari, ha esplorato le più remote profondità del cosmo e ha tracciato un quadro molto soddisfacente della struttura complessiva dell’universo e dei meccanismi che ne hanno governato l’origine e l’evoluzione. Eppure, dopo tutta la strada percorsa, dopo tutte le scoperte e i progressi, gli astronomi conoscono con certezza la natura fisica di una porzione limitata di universo, appena il 5% del totale: una goccia in un’oscurità di cui possiamo solo intuire la maestosità e la vertigine. , Quindi l’energia e la materia oscura, le componenti predominanti del cosmo, di cui abbiamo per ora solo una conoscenza indiretta, potrebbero mettere in discussione le ipotesi fisiche alla base della descrizione e dell’interpretazione dell’universo.

 

Le scuole coinvolte nel progetto ‘Un Pozzo di Scienza’, partito il 19 marzo a Forlì e conclusosi questa mattina, sono state, oltre al Liceo Classico G.B. Morgagni, il Liceo Scientifico F. Paulucci di Calboli, l’Istituto Tecnico Industriale Statale G. Marconi, l’Istituto Tecnico Commerciale C. Matteucci. Complessivamente 59 classi per 1.475 studenti assieme a 90 docenti.

 

Sull’intero territorio servito dal Gruppo, quest’anno gli studenti coinvolti sono saliti a 13.350, distribuiti su 39 scuole e risultano 3.000 in più rispetto all’edizione 2011, pari a oltre l’11% della popolazione scolastica degli istituti superiori delle 7 province su cui opera il Gruppo. Un impegno forte, dunque, da parte di Hera che offre l’opportunità unica di confrontarsi con nomi illustri del mondo scientifico nazionale.

 

 

Vincenzo Balzani
Accademico dei Lincei, è professore emerito di Chimica all'Università di Bologna. E' autore di numerose pubblicazioni su riviste internazionali. Per la sua attività scientifica ha ricevuto vari riconoscimenti, fra i quali laurea "Honoris Causa” presso le Università di Friburgo (CH) e di Shanghai (Cina). I suoi studi riguardano le reazioni chimiche provocate dalla luce, la fotosintesi artificiale e l'ideazione di dispositivi e macchine molecolari. Alla ricerca scientifica affianca un'intensa attività di divulgazione sul rapporto fra scienza e società e fra scienza e pace, con particolare riferimento ai temi dell'energia e delle risorse. E' anche autore di 5 libri, fra i quali “Molecular Devices and Machines” (con A. Credi e M. Venturi, Wiley-VCH, 2008),  “Energia per l'Astronave Terra” (con N. Armaroli, Zanichelli 2009), che ha ricevuto il Premio Galileo per la divulgazione scientifica ed è recentemente uscito in seconda edizione ampliata e aggiornata, e "Energy for a Sustainable World - From the Oil Age to a Sun-Powered Future" (con N. Armaroli, Wiley-VCH 2011).
 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.