CGIL agguerrita sulla "vertenza Marcegaglia"

Il sindacato accusa le Istituzioni locali di protagonistmo

La situazione della Marcegaglia, i malumori della CGIL e le osservazioni del suo nuovo segretario generale, Paride Amanti, fanno esplodere un “mal di pancia” in seno all’amministrazione forlivese.

“Prendiamo atto con amarezza della non volontà politica di affrontare le vere trattative che possono favorire insediamenti di questa come altre aziende, nella nostra realtà – spiega Amanti in una nota diffusa pochi minuto fa alla stampa -  temi quali quello energetico, quello del trasporto sostenibile, quello relativo agli degli investimenti tecnologici e professionali, sono argomenti non affrontati. E’ evidente che il rischio della sigla di un accordo separato, sul quale peserebbe anche una grave responsabilità delle Istituzioni locali, segnerebbe un punto di compromissione di quella coesione sociale indispensabile per una Comunità”.

La CGIL denuncia ma non “dichiara guerra” alle istituzioni, anzi si augura una compartecipazione importante per riaffermare il valore del Lavoro, della Partecipazione e dell’inclusione. “ciò – come precisa il comunicato della Camera del Lavoro – non può essere in capo solo alla CGIL”.

Tuttavia l’occasione è ghiotta per riportare alla luce quelle situazioni che al sindacato in questi ultimi anni non sono proprio andati giù, come la questione “Zangheri”, la realizzazione di una ASP distrettuale e il dissidio tra le aziende sanitarie locali di Cesena e Forlì “perdendo opportunità che avrebbero aumentato l’eccellenza e l’efficienza della nostra sanità”, si legge ancora nella nota.

Non è tutto qui e la CGIL si toglie qualche altro sassolino dalla scarpa dimostrando di non essere fuori dai giochi e di prestare orecchio al malumore che si respira in città   

“Registriamo il rischio di processi di deindustrializzazione del nostro territorio dove le nostre Istituzioni scontano anche la crisi di Sapro e la loro credibilità come soggetti promotori di sviluppo, lasciandosi sfuggire grandi investimenti locali strutturati. Evidenziamo come infrastrutture (fiere, aeroporto, ecc.) che dovevano essere punto di eccellenza per lo sviluppo del territorio sono diventati un costo, un peso difficile da giustificare. Un territorio che ha un’idea propria di sviluppo deve riuscire a orientare investimenti in linea con l’interesse collettivo”.

In questo scenario la CGIL, col suo punto di vista evidenzia da parte delle Istituzioni Locali, “un protagonismo insolito ed inopportuno” sulla vertenza Marcegaglia, “non per svolgere un ruolo di mediazione con cui ricercare soluzioni che tengano assieme investimenti e buona occupazione, e chiedendo alle parti di rimuovere gli ostacoli – precisa Paride Amanti - ma assumendo il paradigma aziendale per cui gli investimenti sono possibili solo alle loro condizioni”.

Da queste constatazioni prende forma l’idea dell’assemblea pubblica che si terrà mercoledì 21 marzo alle ore 9.30 nel salone comunale di Forlì, occasione nella quale interverranno i delegati della Fiom e a cui la CGIL si augura prendano parte anche tutte le forze politiche, i movimenti della società civile, le associazioni e i rappresentanti delle istituzioni che vorranno confrontarsi con i lavoratori e con il sindacato in merito alla vertenza aperta nel gruppo Marcegaglia.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.