Regine e Principesse al Foyer del Teatro Fabbri

In occasione della Festa della Donna, giovedì pomeriggio 8 marzo, alle ore 17,30 , al Foyer del Teatro Diego Fabbri, il secondo appuntamento di “Raccontare storie con il melodramma” , il ciclo di conferenze sulle figure dell'opera lirica, curato dalla Professoressa Maria Chiara Mazzi e organizzato dalla Cooperativa Tre Civette, avrà come tematica “Regine  e Principesse”.

 

Il melodramma racconta storie, da sempre, fin da quando è stato inventato nel 1600. Storie che, vere o inventate non importa, ci coinvolgono,  perché i protagonisti esprimono e vivono in prima persona i nostri conflitti interiori e i nostri disagi, le nostre aspirazioni e le nostre gioie incontenibili.

 

E se i personaggi del melodramma vivono i loro drammi cantando, è proprio grazie alla musica che le loro vicende rimangono dentro di noi, indelebilmente impresse.

 

Il melodramma è popolato da personaggi appartenenti a tutti gli ambiti, a tutti i ceti sociali, a tutte le aree geografiche, a tutte le epoche, a sottolineare l'universalità e l'immutabilità dei sentimenti che muovono il mondo.

E se immutate rimangono le tipologie dei sentimenti, differenti risultano tuttavia le modalità nell’esprimerli, a seconda delle epoche e degli stili degli autori negli oltre tre secoli di storia dell'opera europea.

 

Ad hoc la Professoressa Mazzi ha individuato tre “categorie” di   personaggi, per far comprendere come la musica abbia saputo tratteggiare per ciascuna di esse figure indelebili nel nostro cuore. 

Dopo  il precedente appuntamento con “Condottieri e soldati” (Mosè di Rossini e Pollione nella Norma, da Pinkerton di Madama Butterfly a Don Josè della Carmen, Radames in Aida e Wozzek, di giovedì 23 febbraio), domani, giovedì 8 marzo, alle ore 17, 30,  sarà appunto la volta di “Regine e Principesse”.

 

Il melodramma spesso vede come protagoniste le donne che , a differenza delle figure maschili, agiscono prevalentemente mosse dal sentimento e dal temperamento, e non certo per il tristemente famoso “ruolo sociale”.
Chiara Mazzi  si soffermerà sulle figure di regine e principesse a partire dall'epoca barocca, e racconterà delle sofferenze di Didone e della forza della Regina della Notte, passando da Lucia di Lammermoor e da Elisabetta d'Inghilterra, per arrivare fino a Turandot, la regina crudele vinta dall'amore.

 

L’ingresso alla conferenza è gratuito, fino ad esaurimento posti.

 

Per informazioni:

www.cooptrecivette.com

 

                                                                                           (Chiara Macherozzi)

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.