25 febbraio 2012 - Forlì, Cronaca, Politica, Società

Sicurezza, il PdL torna alla carica: "Ridiamo ai forlivesi la loro città"

La recente violenta rapina nella lavanderia in via Plauto ha evidenziato ancora una volta che molti spazi urbani della città sono abbandonati a loro stessi e privi di quella vitalità cittadina che potrebbe impedire il verificarsi di questi drammatici episodi”.

. Queste le dichiarazioni dei consiglieri Alessandro Spada e Fabrizio ragni, esponenti del PdL di Forlì che puntano il dito contro l’amministrazione accusando Sindaco e giunta di sottovalutare la situazione. “L’amministrazione Balzani continua a sottovalutare l’allarme sicurezza all’interno del territorio comunale e non ha ancora adottato la benché minima misura per tentare d’arginare questa preoccupante escalation – rimarcano Ragni e Spada -  Chiediamo così nuovamente al Sindaco di attivarsi per dar vita ad una presenza maggiormente efficace della Polizia Municipale come azione di supporto al lavoro di Carabinieri e Polizia, ma chiediamo anche un rapido potenziamento della pubblica illuminazione in tutte quelle aree urbane che durante le ore serali risultano pressoché al buio e che non a caso registrano il maggior numero di furti, rapine ed aggressioni”.

I due consiglieri si rivolgono poi direttamente al primo cittadino di Forlì affinché prenda le misure necessarie per riportare ai forlivesi quei luoghi che proprio ai cittadini sono stati estirpati. “Una città più viva e vivace, vissuta in ogni sua parte con intensità dalla popolazione, potrebbe contribuire con forza al contrasto di episodi di criminalità – concludono i rappresentanti del partito di opposizione - ma per giungere a questo obiettivo serve un impegno concreto delle istituzioni, in grado di far sentire la propria presenza alla cittadinanza”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.