16 febbraio 2012 - Forlì, Agenda, Cronaca, Società

Pietro Grasso a Forlì per parlare di mafia

Il Procuratore ha accettato di incontrare le scuole e i cittadini forlivesi al Teatro Diego Fabbri

I giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino teorizzarono che per combattere la mafia è necessario conoscerla. Oggi il Procuratore Nazionale Antimafia Pietro Grasso, impegnato da trent'anni contro la criminalità organizzata, aggiunge che per contrastare la mafia è indispensabile avere la percezione esatta della sua pericolosità, una percezione che deve essere trasmessa alle coscienze dei più giovani. Nelle pagine del libro “Per non morire di mafia” Pietro Grasso ripercorre le stagioni della guerra alla cupola siciliana in modo schietto, affrontando anche rapporti delicati, e traccia una mappa delle nuove mafie (cinesi, russe, albanesi, nigeriane, colombiane), individuando le strade e gli strumenti che ci permetteranno di non morire di mafia, di non sottometterci al suo potere. Da questo libro hanno preso le mosse il regista Alessio Pizzech e l’attore Sebastiano Lo Monaco per costruire uno spettacolo che mantiene il titolo del libro, ma ne traduce le pagine in un impatto scenico di grande efficacia.
Lo spettacolo verrà rappresentato presso il Teatro "Diego Fabbri" da mercoledì  22 a sabato 25  alle ore 21, domenica 26 febbraio alle ore 16.
Proprio per dare maggiore forza all’indispensabile dialogo con le nuove generazioni, il Procuratore Pietro Grasso ha accettato di incontrare le scuole e i cittadini forlivesi il 22 febbraio alle ore 17.30, insieme con Sebastiano Lo Monaco e con il Sindaco di Forlì Roberto Balzani, sul palco del Teatro "Diego Fabbri".

Per informazioni: Teatro Diego Fabbri, corso Diaz n.47; tel.0543.712167-712166-712176; www.teatrodiegofabbri.it .

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.