15 febbraio 2012 - Forlì, Cronaca, Politica

Forlì, il PdL attacca: "un bilancio che scontenta tutti"

Il Popolo delle Libertà muove dure critiche al documento programmatico del Comune di Forlì

“Porgiamo Ringraziamento ai volontari e a quanti si sono spesi per lavorare in favore della città. Abbiamo perplessità sul Piano neve e costi che ne derivano sono pesanti e non quantificabili”.

 

“Il Comune non ha offerto alternative sulla questione del bilancio previsionale”, dichiara il capogruppo comunale del PdL, Alessandro Rondoni che aggiunge: “Ci pare un chiaro richiamo ad un artificio trasmigrando una cifra dal Comune stesso alla holding Livia tellus”.

Secondo il PdL sarebbero 107, i milioni di euro che sarebbero entrati nelle casse dell’amministrazione e non i 100 dichiarati, in quanto ben 7 milioni saranno “girati” alla holding “Livia tellus”.

Anche il parametro spese lascia perplessi gli esponenti del PdL che spiegano: “Le spese sono quasi 93 milioni e mezzo rispetto ai 90 annunciati – commenta Wanda Burnacci – non è mai stata criticata la qualità dei servizi, tuttavia spendiamo per convenzioni 18 milioni di euro”.

Il Comune non toccherà l’Irpef ma la Regione è già intervenuta su questa voce alzando le aliquote rispetto allo scorso anno.

L’IMU, nuova formula e vecchi contenuti dell’ICI, non è stata elevata al massimo, anzi secondo le stime proprio l’imposta sugli immobili comunali risulta essere equa rispetto alla tassazione eliminata dal Governo Berlusconi. Tuttavia l’aliquota presentata dal Comune secondo il PdL non tiene conto della rivalutazione degli immobili che si è attestata nel frattempo al 60%. “Anche se l’aliquota rispetto all'ICI non cambia, saranno più pesanti le tasse che i cittadini pagheranno, possiamo dirlo, sarà un salasso”, continua Wanda Burnacci.

Il gruppo di opposizione inoltre lamenta la scarsa elasticità da parte dell’amministrazione: “Il Comune ha ragione di protestare col Governo Monti – spiegano gli esponenti del Popolo delle Libertà - ma vi era una larga banda di oscillazione”.  Con il bilancio previsionale secondo i dati forniti dal PdL, il “Comune incasserà 67 milioni e mezzo di euro, circa 5 milioni e mezzo in più rispetto allo scorso anno”.

Tra le proposte avanzate da Rondoni e gruppo unito, anche a vendita di una parte del patrimonio comunale, piano mai preso in considerazione dall’amministrazione forlivese.

Sulla spesa pubblica l’idea è quella di diminuire gli assessorati e accorparli facendo riferimento a “decentramento” e “politiche giovanili” e sempre sulla Giunta l’invito di Rondoni è quello di ridurre gli stipendi dei membri..

“Sarebbe importante riportare la meritocrazia anche in politica – ha spiegato Rondoni – e ci paiono  troppi tra l’altro 5 segretari per il Sindaco”.

Anche la Burocrazia ha un peso importante sulle voci di bilancio e il consigliere Lombardi invita il Comune a prendere provvedimenti per evitare di appesantire le pratiche. “Per arrivare ad una convenzione ci vogliono 3 o 4 anni. La burocrazia non é più compatibile con la crisi di mercato”.

E mentre il PdL si domanda perché non sia stato richiesto ancora lo stato di calamità per l’emergenza neve, il gruppo di opposizione vorrebbe poter visionare il contratto con Global Service per verificarne le condizioni.

Ultimo ma non in ordine di importanza l’intervento sulla questione fisco e controlli. La presentazione del Sindaco sul bilancio previsionale è stato preso con tiepidezza dagli esponenti del PdL che commentano: “Le battute del sindaco sono fatte dalla cattedra oggi bisogna essere sulla strada e ascoltare i cittadini”.

Tagliente l’intervento del capogruppo provinciale del PdL Gagliardi, che commenta: “Le imposte si stanno facendo solo per fare cassa. Tutti i progetti in atto, di cui sentiamo parlare come sviluppo per Forlì, risalgono al ‘99 con  l’amministrazione Rusticali. Come sempre non troviamo nessun tipo di investimento per le famiglie  e per le imprese”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.