27 gennaio 2012 - Forlì, Cronaca, Politica

Morrone (Lega Nord) “Russo scriva al Ministro per aiutare le famiglie forlivesi in difficoltà”

Morrone critica aspramente la decisione del Vicepresidente della Provincia, Guglielmo Russo, di scrivere al Ministro Riccardi per sensibilizzarlo alla questione dei permessi di soggiorno temporanei per gli immigrati che hanno perso il lavoro.
“Ci preoccupa vedere il vice Pres. della Prov., Guglielmo Russo, così distante dalle emergenze occupazionali ed economiche della realtà locale. Con il tasso di disoccupazione e la cassa integrazione perennemente in crescita e un evidente difficoltà delle famiglie romagnole ad arrivare a fine mese, Russo si interroga e si preoccupa esclusivamente dello stato occupazionale in cui versano gli extra-comunitari.”
Secondo il segretario provinciale della Lega e secondo la linea politica mai abbandonata dal partito, la priorità dovrebbe andare agli italiani e a quelle famiglie che sono state duramente colpite dalla crisi economica internazionale.
“Dalla sua poltrona di vice Pres. della Provincia” – incalza Morrone – “Russo scrive al Ministro per l’Integrazione, Andrea Riccardi, esortandolo a modificare la normativa vigente in materia di permanenza sul territorio italiano di stranieri disoccupati. La legge allo stato attuale prevede la possibilità per un extracomunitario senza lavoro di rimanere in  Italia per un periodo non superiore a 6 mesi, al fine di trovare una nuova occupazione”, prosegue Morrone che sottolinea, l’impossibilità di far fronte a questa situazione : “Non capiamo con quale logica Russo chieda di prolungare il periodo di permanenza da 6 mesi a 1 anno; ci chiediamo inoltre in che modo un nucleo famigliare di extracomunitari disoccupati possa mantenersi e vivere regolarmente sul territorio italiano, non percependo più entrate.”
Infine conclude Morrone: “Mi auguro in ogni caso che il Ministro Riccardi ignori le richieste del Vicepresidente Russo anche in virtù delle gravi ripercussioni che questi provvedimenti comporterebbero sull’economia e sul mercato del lavoro del nostro territorio. La crisi che incombe sulle nostre aziende e sull’intero comprensorio romagnolo è gravissima e al momento non si prospettano segnali di miglioramento.  Se da un lato sarebbe auspicabile aiutare tutti indistintamente, la gravità del momento ci sollecita provvedimenti drastici. Gli amministratori locali devono mostrare un forte senso di responsabilità e devono essere in grado di fare delle scelte, seppur impopolari, al fine di evitare che siano i Romagnoli a dover espatriare dalla propria terra.” 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.