24 gennaio 2012 - Forlì, Cronaca, Politica, Società

Ragni e Spada (PdL) sull'autovelox di Durazzanino: "amministrazione stalinista"

Dura presa di posizione dei consiglieri PdL Fabrizio Ragni e Alessandro Spada che tacciano l’amministrazione comunale di “stalinismo” a seguito delle dichiarazioni in merito al danneggiamento dell’autovelox in zona Durazzanino.
“In relazione agli spari contro l’autovelox di Durazzanino la maggioranza di centrosinistra, Sindaco in testa, ha dimostrato veri e propri atteggiamenti stalinisti tentando d’incolpare per l’accaduto la stampa e l’opposizione”, attaccano i consiglieri che poi rincarano la dose: “Questi esponenti politici, dal Partito Democratico all’Italia dei Valori, che evidentemente non conoscono neppure i basilari principi di democrazia e libertà, dovrebbero vergognarsi per le gravissime parole pronunciate contro una chiara e semplice libertà di stampa”.
Il PdL condanna in maniera molto chiara il danneggiamento del velox, gesto definito sconsiderato dagli stessi esponenti comunali ma ritengono gravissimo.
“La sinistra confonde in modo voluto la trasparenza dell’informazione e il diritto dei forlivesi a conoscere le scelte dell’Amministrazione con una sorta di campagna mediatica ‘fondata sull’odio’ e studiata a tavolino. Chi si sta rivelando irresponsabile e poco trasparente sono proprio gli amministratori del Pd e dell’Italia dei Valori, che hanno aspettato mesi prima di comunicare i veri dati sulle multe e sugli incassi degli autovelox, dimostrando così scarsissimo rispetto nei confronti dei cittadini, delle regole democratiche e persino delle istituzioni, che dovrebbero rappresentare con maggior dignità”.
L’accusa è diretta e senza giri di parole da parte dei consiglieri del centrodestra, che rilanciano sul piatto e sostengono che sia proprio l’amministrazione comunale ad alimentare in modo pericoloso il “malessere sociale”. “Chi sta facendo leva sul malessere sociale e lo sta alimentando ad arte in modo pericoloso, sono quelle persone che hanno deciso da irresponsabili di nascondersi dietro lo scudo di un sacrosanto rispetto del codice della strada per far cassa indiscriminatamente sulla pelle dei cittadini, tartassati di multe per lievissime infrazioni in questo periodo di grave crisi economica. Un Comune degno di questo nome non dovrebbe utilizzare gli autovelox fissi, gli ausiliari della sosta e la spessa Polizia Municipale unicamente per incamerare denaro facile dai forlivesi”.
Altri sono gli interventi che prefigurati dai pidiellini che sostengono una politica diversa: “Un’Amministrazione seria – concludono Ragni e Spada -  dovrebbe al contrario intervenire sulla prevenzione e sulla sensibilizzazione in materia di codice della strada, educando i cittadini senza dover ricorrere in modo esclusivo a scelte sanzionatorie. Per queste ragioni gli autovelox fissi, posizionati in prossimità di certi limiti di velocità, rappresentano un evidente errore che la cittadinanza continuerà a non accettare”.
 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.