Produzioni frutticole: Forlì e Cesena da oggi più vicine a Ravenna

Procedendo lungo le già concordate direttrici di un dialogo relativo al coordinamento e alla programmazione di politiche di area vasta che integrino maggiormente i territori, le Province di Ravenna e Forlì-Cesena hanno ottenuto a livello agricolo un primo risultato, operando in stretta collaborazione con i due Tavoli Verdi. Sono riuscite, infatti, nell’intento di ottenere la condivisione unanime su un documento per la valorizzazione delle produzioni frutticole.
 
Il tema frutticolo è stato il primo ad essere messo nell’agenda dei lavori avviata congiuntamente sia dalle due Province che dai Tavoli Verdi.
 
Ciò è dovuto naturalmente al fatto che il settore frutticolo e, in particolare, quello relativo alle pesche e nettarine è ormai in una situazione di crisi strutturale. In cinque degli ultimi otto anni il costo di produzione è stato superiore alla remunerazione ottenuta dai produttori.
 
L’avvio dei lavori in comune fra le due Province ed i Tavoli Verdi è avvenuta ufficialmente nell' ottobre scorso, nella sede del Consiglio della Provincia di Forlì-Cesena in cui i Presidenti Claudio Casadio e Massimo Bulbi hanno illustrato gli obiettivi e il percorso da intraprendere. In quella sede è stato contestualmente avviato il Comitato frutta, composto da rappresentanti di tutte le organizzazioni dei due Tavoli Verdi. Comitato che, coordinato dalll’Assessore all’Agricoltura della Provincia di Forlì-Cesena, Gianluca Bagnara, ha portato alla condivisione del documento finale la cui firma è avvenuta oggi nella sala del Consiglio Provinciale di Ravenna.
 
Erano presenti, oltre ai due Presidenti Claudio Casadio e Massimo Bulbi, anche l’Assessore all’agricoltura della Provincia di Forlì-Cesena Gianluca Bagnara ed i Presidenti delle Organizzazioni che fanno parte dei dueTavoli Verdi: Agci,Cia,Coldiretti,Confcooperative,Copagri,Legacoop e Unione Agricoltori.
 
Esprime la sua soddisfazione il presidente della Provincia di Forlì-Cesena Massimo Bulbi: “Questo documento mira a mettere l’impresa agricola e l’imprenditore agricolo al centro di tutte le azioni e le politiche del settore, in particolare nei confronti della grande distribuzione. E’ un risultato particolarmente importante, inoltre, che tutte le sigle si siano trovate unite su questo progetto”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.