13 gennaio 2012 - Forlì, Cronaca, Politica, Società

Asilo Santarelli, ora se ne parla in consiglio comunale

Il Segretario provinciale dell’UDC, Andrea Pasini, torna sul caso Santarelli e presenta un’interrogazione per conoscere come il Comune “pensa di tranquillizzare i genitori dei bimbi ospitati nel proseguo dell’anno scolastico considerato che le verifiche stati – definitive, sulla sicurezza dell’immobile devono essere ancora ultimate”. Il consigliere porge un’ulteriore domanda al Sindaco all’assessore  alle politiche educative per conoscere finalmente la “motivazione di tali urgenti lavori, considerato il deficit finanziario in cui versa l’ASP, ma soprattutto che è prevista la chiusa della struttura per Giogno prossimo”. Queste due “scottanti” domande racchiudono un po’ il senso complessivo della protesta che il comitato dei genitori dell’asilo Santarelli stanno portando avanti da mesi. Dopo la pubblicazione, proprio da parte del comitato, di un comunicato sulla stampa locale e della conseguente frattura che si è creata tra amministrazione e genitori, la vicenda torna agli “onori della cronaca” aggiungendo così un tassello alla complicata situazione. Pasini dunque si fa portavoce del malumore e delle perplessità manifestate dal gruppo di genitori e chiede al Comune di spiegare cosa stia accadendo intorno alla ASP “Oasi” e all’Asilo Santarelli.  Nel corso delle vacanze natalizie sono stati eseguiti all’interno della struttura i lavori di rifacimento dei controsoffitti, la realizzazione di un bagno attrezzato per i disabili adulti e lo smantellamento dei sanitari “a misura di bambino”

Altri lavori interesseranno la scuola dell’infanzia come precisato dal Comune e dal Consiglio di Amministrazione di Oasi, ma gli interventi necessariamente comporteranno la chiusura “temporanea” dell’edificio: “la struttura che ospita la scuola necessita di interventi di manutenzione straordinaria non attuabili contemporaneamente allo svolgimento delle attività didattiche” come precisato da una nota congiunta di Comune e CdA dell’Asp Oasi.

L’affondo di Pasini si fa più serrato quando entra nel merito del trasferimento degli alunni. “A seguito dell’assemblea fra il Comitato Genitori e l’Amministrazione Comunale, tenutasi nei locali dell’Asilo Santarelli qualche sera fa, si è ufficializzato il trasferimento della scuola per l’infanzia in altro plesso e nessuna certezza per il futuro del patrimonio”,  spiega il consigliere UDC  che prosegue con una serie di considerazioni: “Questo trasferimento ‘forzato’ è dovuto all’ingente deficit accumulato negli anni dall’Asp Oasi, fino ad arrivare alla stima odierna di circa 2.000.000,00 di euro. I consulenti dell’Asp Oasi costituita nell’autunno 2007, inglobando anche l’ex Ipab Santarelli, avevano stimato in origine utili operativi, venendo dai fatti smentiti con perdite annuali importanti. L’attuale amministrazione Comunale già da alcuni anni, sta contribuendo in maniera straordinaria a sostenere l’attività didattica dell’Asilo, arrivando a stanziare più di 300.000,00 €. Ad oggi l’attuale amministrazione comunale, inserita in un contesto nazionale ed internazionale allarmante,  ha una “Forte-Minore” capacità di spesa e quindi non può garantire nulla per il futuro”.

Con queste premesse il segretario dell’Unione di Centro chiede con forza se siano state fatte opportune verifiche tecnico amministrative sulle gestioni precedenti, così da individuare eventuali responsabilità ma soprattutto chiede che si faccia luce sulle osservazioni e i pareri conseguenti alle ispezioni regionali. Infine, Pasini chiede di conoscere “lo ‘stato dell’arte’ sui rapporti tra Asp Oasi e Curatela Fallimentare di Sapro, considerato che circolano voci su vendite incaute del valore di1 milione, 1 milione 500 mila euro”

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.