20 dicembre 2011 - Forlì, Cesena, Società

Slow Food premia le osterie di Romagna

Tra le quattro osterie premiate dalla Guida 2012 di Osterie d’Italia, di Slow Food, due sono del territorio forlivese cesenate. Si tratta de La campanara, e la Locanda al Gambero Rosso di San Piero in Bagno.

 

La cucina e i prodotti del territorio cesenate sono stati protagonisti durante la presentazione della nuova guida edita da Slow Food. Alla serata era presente anche una delegazione dell’Associazione per la Valorizzazione della Piadina Romagnola e della Condotta Slow Food di Cesena, in collaborazione con la Confesercenti cesenate. Alla guida è stato allegato anche un inserto regionale che presenta 33 chioschi e rivendite della “piada romagnola”.

Tra le ottime pietanze della serata che si è svolta in “pompa magna” a Bologna, anche la piadina del chiosco “Ruggero e Gemma” di Mercato Saraceno e lo squacquerone della Centrale del Latte di Cesena.

 

I numeri della guida sono importanti:oltre 1.700 locali segnalati, 225 con la chiocciola, il riconoscimento per le osterie che più di altre hanno entusiasmato per ambiente, cucina, accoglienza. E ancora 198 i locali del buon formaggio e 414 segnalati per la selezione dei vini. E ben 169 le osterie nuove. Sono le cifre della nuova edizione di Osterie d'Italia, la guida di Slow Food Editore che da 22 anni conduce per mano i lettori in un viaggio lungo la penisola alla scoperta di quei locali in cui ritrovare cibo sano e genuino, piatti di tradizione e territorio, accoglienza calorosa e tutto a un prezzo contenuto entro i 35 euro

 

L'Emilia-Romagna è rappresentata da 126 osterie delle quali 13 hanno ricevuto il riconoscimento della Chiocciola, 30 la Bottiglia e 10 il Formaggio. L'inserto regionale è dedicato alla piadina e presenta 33 chioschi, mentre sono 4 i ristoranti nella sezione Oltre alle Osterie.

E proprio le 4 osterie “chiocciolate” (2 dell'Emilia e 2 della Romagna), insieme con 7 produttori e 3 aziende vinicole, sono stati i protagonisti della presentazione della guida Osterie d'Italia 2012 a Bologna, in una serata nella quale il menù ha raccontato in maniera entusiasmante il territorio regionale.

 

L'incasso della serata è servito ad adottare 2 Orti del progetto Slow Food "Mille Orti in Africa".

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.